• Collection

Tre bollicine alternative dal mondo per brindare a Capodanno

BANNER

Tre bollicine per brindare in maniera alternativa a Capodanno. Le suggerisce Elemento Indigeno, il progetto di ricerca dedicato ai vini internazionali di Compagnia dei Caraibi. In occasione dei botti (intesi come tappi che saltano) di fine anno, a venire proposto è un vero e proprio viaggio per il mondo, nei territori più inconsueti, alla ricerca di storie autentiche e capaci di portare la loro spumeggiante magia sulla tavola per l’ultimo brindisi del 2022 e il primo del 2023. Tutto all’insegna di abbinamenti altrettanto unconventional: con Sushi, Burrito e Gyoza.

L’abbinamento take-away per Capodanno: tre bollicine alternative dal mondo per Sushi, Burrito e Gyoza

La fine anno, si sa, è periodo da consacrare a suon di brindisi ed è per l’occasione Elemento Indigeno, impegnato in un accurato lavoro di ricerca di etichette inedite da tutto il mondo, propone una selezione di tre bollicine molto particolari dal proprio catalogo.   

È un brindisi, quello di Capodanno, che si fa migliore espressione dell’approccio unconventional del progetto firmato Compagnia dei Caraibi dedicato al mondo della viticoltura ed enologia, capace di privilegiare sempre il racconto che lega ogni produttore al proprio territorio.

Ecco quali sono le tre etichette dal mondo, con l’abbinamento food ai vini che non può non essere, in pieno stile Elemento Indigeno, che pairing “fuori dagli schemi” con cibi take-away.

Gusbourne Reserve Brut e Sushi

La proposta per il Capodanno unconventional parte dal Regno Unito con il Gusbourne Reserve Brut, dell’omonima tenuta diventata una delle realtà di riferimento per gli sparkling wine britannici: vendemmia manuale, pigiatura delicata del grappolo intero e stabilizzazione naturale del mosto donano al vino un colore dorato e aromi dolci di ciliegia, fragola e pasticceria. Una bollicina che si presta ad essere abbinato ad un buon Sushi.

L’abbinamento take-away per Capodanno: tre bollicine alternative dal mondo per brindare con Sushi, Burrito e Gyoza grazie a Elemento Indigeno
Nuna Sparkling Chakana Wines e Burrito

Si passa poi nell’Emisfero Australe, in Argentina, con il Nuna Sparkling di Chakana Wines, famiglia italiana originaria della Valtellina. Il nome “Nuna”, ovvero “spirito della terra”, rappresenta il legame con la natura e il terroir, per un vino che è blend di Sauvignon Blanc, Chardonnay e Viognier che rifermenta in bottiglia, grazie ai lieviti indigeni, per 30 giorni prima del dégorgement. Si sposa ad un gustoso Burrito.

L’abbinamento take-away per Capodanno: tre bollicine alternative dal mondo per brindare con Sushi, Burrito e Gyoza grazie a Elemento Indigeno
Aruga Branca Brilhante Katsunuma e Gyoza

A chiudere in bellezza il 2022, per chi desiderasse poi un brindisi dal gusto esotico, si approda nella terra del Sol Levante: in Giappone, con l’Aruga Branca Brilhante di Katsunuma, ad oggi la cantina-simbolo dell’identità vitivinicola giapponese più profonda. L’azienda parte dalla varietà autoctona “Koshu” per dare vita a una bolla dal gusto vivace, rifermentata per 24 mesi in bottiglia, che dà il meglio di sé se gustata con una porzione di Gyoza.

L’abbinamento take-away per Capodanno: tre bollicine alternative dal mondo per brindare con Sushi, Burrito e Gyoza grazie a Elemento Indigeno
BANNER
BANNER
BANNER