https://www.masi.it/it/vini/masianco
BANNER
  • Trade

Le Tenute del Leone Alato dà il benvenuto alla partnership con Masseria Li Veli

Leone Alato

Dello stesso argomento

BANNER

A partire da marzo 2023 la storica azienda salentina Li Veli sarà distribuita in maniera esclusiva dal gruppo veneto Le Tenute del Leone Alato che amplia ulteriormente il portfolio, proponendo segmenti diversi ed attrattivi per il trade, pur sempre nel solco del voler creare e accrescere il valore delle singole marche sul mercato, rispettandone unicità e caratteri distintivi.

«Siamo particolarmente felici di avviare questa partnership distributiva con Masseria Li Veli – commenta Francesco Domini – Chief Commercial Officer di Leone Alato. Questa ulteriore tappa del nostro progetto distributivo ci consente di arricchire l’offerta del portfolio verso il segmento premium e super premium, in linea con il percorso di crescita che Leone Alato ha intrapreso dal 2021.

Vogliamo costruire un portfolio che vede coinvolti tra i 5 e i 6 partner distributivi, che costituisca il 20% del fatturato complessivo del gruppo. L’obiettivo principale è quello di lavorare su un assetto multiregionale piuttosto che porci come un mero distributore commerciale, per poter garantire la giusta attenzione a tutti i marchi, nel rispetto delle singole identità e riuscire a costruire il valore desiderato, vero obiettivo di Leone Alato.»

Li Veli: una storia salentina

Li Veli si trova in Salento, terra pugliese che nasce dall’abbraccio tra Mar Adriatico e Mar Ionio.

A fine Ottocento il Marchese Antonio de Viti de Marco, salentino ed economista di fama internazionale, costruì la Masseria a Li Veli con la volontà di creare un modello esemplare per lo sviluppo viticolo di tutta la Puglia. 

Nel 1999, a circa un secolo dalla fondazione, un gruppo di investitori, guidati dalla storica azienda vinicola toscana Avignonesi, protagonista della valorizzazione del Vino Nobile di Montepulciano e del Vin Santo, acquistano e rifondano Masseria Li Veli con la volontà di dare vita ad un nuovo progetto di grande qualità.

Nel 2008 il sogno del Marchese viene definitivamente riportato in vita, quando Li Veli viene acquistata interamente dai fratelli Edoardo e Alfredo Falvo. In pochi anni vigneti di proprietà, bottiglie prodotte e mercati aumentano in maniera considerevole fino a far diventare Masseria Li Veli una delle principali aziende pugliesi in termini di qualità dei prodotti e di notorietà del marchio.

I fratelli Edoardo e Alfredo ancora oggi dirigono personalmente le attività dell’azienda, con la collaborazione del cugino Alessandro che è entrato a far parte del gruppo aziendale nel 2018.

«Guardiamo a questa nuova collaborazione con grande fiducia e ottimismo, dichiara Edoardo Falvo. Abbiamo chiuso un brillante 2022 con quasi 800 mila bottiglie vendute in 30 diversi Paesi e con l’estero che ha rappresentato quasi il 70% del totale. Eravamo alla ricerca di un partner distributivo che fosse prima di tutto un produttore e che condividesse con noi determinati valori e principi e questo lo abbiamo certamente trovato in Leone Alato. Quando si è presentata l’occasione, infatti, non abbiamo esitato.»

Viticoltura e cantina: la brezza, il carparo e il suolo carsico

Il Salento trae vantaggio da un clima particolarmente favorevole alla coltivazione della vite. Le brezze dei due mari che circondano la penisola salentina rendono miti gli inverni e brevi le primavere e gli autunni, con una marcata escursione termica tra la notte ed il giorno, in grado di temperare il caldo secco estivo.

Il suolo è di natura carsica, composto per lo più da calcare, argilla, sabbione e tufo, con riserve idriche che si accumulano durante il corso dell’inverno negli strati più profondi delle falde sotterranee. Queste condizioni garantiscono alle radici delle viti un accesso naturale e costante all’acqua, permettendo loro di superare senza alcuno stress anche le estati più torride, creando le condizioni ideali per lo sviluppo di vini potenti, generosi, eleganti, dai profumi ampi e persistenti.

Alla viticoltura sono destinati 48 ettari della proprietà. I più rappresentativi sono gli impianti ad alberello ad elevata densità: 5.120 piante per ettaro, con sesto d’impianto a settonce. Questo sistema, ideato dagli ingegneri militari romano, realizzato con l’alberello genera una combinazione di effetti benefici: massimo sfruttamento del terreno da parte dell’apparato radicale, insolazione costante della chioma, ottima circolazione d’aria, anche nelle parti centrali dei vigneti, e armonioso equilibrio vegetativo tra le piante che usufruiscono dello stesso spazio, sia aereo che sotterraneo.

Negroamaro, Primitivo, Susumaniello, Malvasia Nera, Fiano, Verdeca e Aleatico, questi sono i vitigni che danno origine ai vini di Masseria Li Veli e da cui deriva anche il progetto Askos. dedicato alla ricerca, selezione e valorizzazione dei vitigni autoctoni pugliesi in via di estinzione. 

La filosofia aziendale che Li Veli esprime, sposa due anime: quella manageriale, aperta e dinamica di due giovani toscani con esperienza nel mondo del vino e quella di un territorio antico, affascinante e dalle grandi potenzialità. L’unione di questi due elementi costituisce l’approccio della cantina, un’evoluzione della tradizione ed un dinamismo della storicità, ben espresso dal portfolio di vini che la cantina porta sul mercato.

«Proprio due Askos, la Verdeca e il Susumaniello, sono tra i prodotti di punta dell’azienda – racconta Alfredo Falvo. Il primo è un bianco di notevole complessità e di bella struttura che ha ricevuto per cinque volte consecutive i 3 bicchieri del Gambero Rosso, il secondo è un rosso vivace e corposo, fresco della TOP 100 di Wine Spectator che l’ha posizionato al sessantatreesimo posto al mondo tra i vini valutati nel corso del 2022. Anche l’Aleatico Passito, seppur prodotto in piccole quantità, con 9 anni di invecchiamento in piccole barrique di rovere francese, narra l’eccellenza della cantina e proprio questo vino sarà presentato ad OperaWine 2023 a Verona il prossimo 1° aprile, evento di grande risonanza dove vengono invitate a partecipare le 130 migliori cantine del nostro paese.”

BANNER
banner
banner
BANNER