• Story

Come vivere l’esperienza Food For Art di Maison Ruinart

Dello stesso argomento

BANNER

È lo Chef Mattia Bianchi, una stella Michelin, del Ristorante Amistà – Byblos Art Hotel Villa Amistà di Corrubbio, a essere stato prescelto quest’anno da Maison Ruinart ad interpretare le opere dell’artista Carte Blanche 2023 Eva Jospin. E fino a metà luglio, per tutti i wine lover, sarà possibile vivere l’esperienza Food For Art nel cuore della Valpolicella, scoprendo il menu dedicato e ispirato alle opere d’arte, quattro portate in abbinamento agli Champagne Ruinart.

L’esperienza Food For Art di Maison Ruinart fino a metà luglio al Ristorante Amistà in Valpolicella con i piatti dello Chef Mattia Bianchi.

Lo Chef Mattia Bianchi interpreta le opere dell’artista Carte Blanche 2023 Eva Jospin

La Maison Ruinart affida ogni anno a importanti artisti contemporanei il compito di reinterpretare in chiave artistica il suo patrimonio. I loro progetti rispecchiano i valori della Maison, ed in particolare il suo impegno per contrastare il cambiamento climatico.

L’artista che ha firmato la collaborazione Carte Blanche 2023 è Eva Jospin, che evoca mondi meravigliosi a partire da un materiale apparentemente insignificante, il cartone. Allo stesso modo, lo Chef de Caves della Maison Ruinart, Frédéric Panaïotis, estrae da un semplice frutto, l’uva, aromi che vengono cesellati per dare vita a un vino fedele alla sua visione.

Ispirandosi alle opere di Eva Jospin, Mattia Bianchi, Executive Chef del Ristorante Amistà, all’interno del Byblos Art Hotel Villa Amistà di Corrubbio, nel cuore della Valpolicella, una stella Michelin dal 2021, ha creato un menu che valorizza i piccoli produttori locali e il territorio veneto, accompagnato da un percorso enologico che prevede alcune delle più prestigiose Cuvée della Maison.

L’esperienza Food For Art di Maison Ruinart fino a metà luglio al Ristorante Amistà in Valpolicella con i piatti dello Chef Mattia Bianchi.

Una nuova esperienza Food For Art, creata dalla fusione tra arte e gastronomia, due forme di espressione creativa che hanno in comune la ricerca di emozioni.

La sua cucina nasce dalle materie prime della regione Veneto, abbinate ai prodotti tipici di tutto il territorio italiano, esaltando la biodiversità degli ingredienti e coniugando la tradizione del territorio con l’innovazione e la creatività.

Come un artista capace di suscitare emozioni, così Mattia Bianchi crea i suoi piatti: ricercati e prelibati, colorati ed energici, vere e proprie creazioni d’arte per la vista e il gusto. Il fil rouge artistico è, infatti, una peculiarità del Ristorante Amistà anche grazie alla straordinaria collezione di arte contemporanea, permanentemente esposta in Villa, che rappresenta un unicum nel panorama internazionale.

L’esperienza Food For Art di Maison Ruinart fino a metà luglio al Ristorante Amistà in Valpolicella

Fino a metà luglio sarà possibile vivere l’esperienza Food For Art al Ristorante Amistà per scoprire il menu dedicato e ispirato alle opere d’arte di Eva Jospin (prenotazioni al +39 045 685 55 55 o reservation@byblosarthotel.com). 

Tutto ruota attorno al tarassaco, l’ingrediente principe scelto dallo Chef e sapientemente accostato ai sapori e piatti tipi del lago e del veronese.

Ceviche di salmerino, tarassaco e salsa Champagne: la delicatezza lacustre è arricchita da una “contaminazione” francese con la salsa allo Champagne. Poi i Tortelli alle erbe spontanee, mosto di pera e Monte Veronese Dop, dove il palato viene avvolto dalle freschezze delle erbe, dall’aroma dolce del mosto e dal gusto avvolgente del formaggio. 

E ancora: Punte di gusto per Agnello Brado e radici primaverili, in coerenza con un territorio ricco di eccellenze gastronomiche. Per concludere con Microclima, il dolce creato in omaggio all’artista Eva Jospin.

L’esperienza Food For Art di Maison Ruinart fino a metà luglio al Ristorante Amistà in Valpolicella con i piatti dello Chef Mattia Bianchi.

Ad accompagnare i piatti, un percorso enologico che parte da Ruinart Blanc de Blancs, simbolo del gusto Ruinart, una Cuvée in equilibrio tra freschezza e rotondità, passando al Millesimato R de Ruinart Vintage 2011, uno Champagne elegante che ha nella leggerezza la sua cifra assoluta ed è prerogativa dei ristoranti selezionati che fanno parte del circuito Ruinart Assemblage 1729 – circuito di locali che condividono con Ruinart la filosofia, i valori, il savoir-faire, per giungere a Ruinart Rosé – in abbinamento all’agnello e al dolce, rotondo e leggermente strutturato, sorprendentemente armonioso e allo stesso tempo croccante.

banner
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER