• Trade

Con il progetto NoviAgri, l’intelligenza artificiale arriva in vigneto nel Monferrato

BANNER

Lo scorso 6 maggio, a Castiglione d’Asti, il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, tramite il progetto di NoviAgri, ha iniziato un nuovo percorso di promozione e impiego di un sistema all’avanguardia che consentirà una gestione smart del vigneto e che permetterà una concreta e misurabile sostenibilità, grazie all’intelligenza artificiale.

Un approccio alla viticoltura che vuole essere innovativo e legato ad un costante sviluppo della ricerca scientifica sul campo. Il progetto ha portato alla creazione di un prototipo di atomizzatore ad erogazione automatica della miscela fitoiatrica direttamente sulla vegetazione, senza dispersione nell’ambiente. Una nuova tecnologia che sarà sempre più centrale nella gestione e cura della vigna, nello sviluppo futuro di una viticoltura che sta imparando a sfruttare tecniche ed evoluzioni scientifiche per contrastare gravi problematiche e malattie come la flavescenza dorata.

“Creare un ponte e unire la grandissima esperienza dei produttori e il progresso tecnologico è un dovere e sarà responsabilità del Consorzio far progredire questa unione lungimirante e virtuosa”, spiega Vitaliano Maccario, presidente del Consorzio, commentando il progetto NoviAgri.

“L’intelligenza artificiale rappresenta il futuro e deve essere integrata nella sapiente manualità che contraddistingue i vigneron di questo territorio; è uno strumento che sta diventando fondamentale e sempre più imprescindibile.”

Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, con il progetto NoviAgri, promuove un intelligenza artificiale per la gestione del vigneto.

Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato: atomizzatori e App gestiti con l’intelligenza artificiale, in nome della sostenibilità

L’atomizzatore, dopo una lunga fase di sperimentazione in vigneto, ha dimostrato di essere perfettamente funzionante e di poter diventare un alleato nella gestione dei flussi di erogazione del prodotto fitosanitario sui filari e sulle foglie, limitandone la dispersione in terra o nell’aria.

Ciò che rimane in fase di sperimentazione ora è un miglioramento dell’applicazione capace di sfruttare l’intelligenza artificiale per stabilire il volume ottimale di distribuzione dei trattamenti in relazione alla pianta.

Il progetto, che ha coinvolto i relatori Paolo Gay e Paolo Marucco dell’Università degli Studi di Torino-DiSAFA Meccanica Agraria, Giancarlo Spezia di Tecnovict-Spezia S.r.l., Paolo Mollo di CSP Innovazione nelle ICT e il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, nasce da un lungo periodo di studi degli innumerevoli parametri che contraddistinguono un vigneto e che devono essere tenuti in considerazione per massimizzare la somministrazione dei trattamenti.

Il passo successivo sarà quello di perfezionare l’App, mettendola a servizio dei viticoltori e rendendola facilmente fruibile da ogni telefono, in modo da poter supervisionare in ogni momento ciò che accade ad ogni vite.

“Dietro questo progetto c’è stato tantissimo lavoro – ha concluso il Presidente Maccario – Oggi, il Consorzio si è posto dei chiari e importanti obiettivi per quanto concerne ricerca scientifica e tutela del territorio. Il progetto NoviAgri è una dimostrazione chiara dell’impegno che il Consorzio vuole mettere in campo da qui al futuro, anche nel coinvolgimento attivo e nelle sinergie create con istituzioni, università, tecnici, aziende e industrie. Il nostro è un territorio meraviglioso ed è nostro dovere tutelarlo e offrire quanto più supporto possibile a coloro che lo vivono quotidianamente, i nostri viticoltori”.

Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, con il progetto NoviAgri, promuove un intelligenza artificiale per la gestione del vigneto.
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER