• Story

Dal Veneto alla Toscana, per Masi Agricola una vendemmia 2023 al via che si trasformerà in festa a Tenuta Canova

BANNER

Archiviata positivamente lo scorso marzo la raccolta delle uve in Argentina nei vigneti di Tupungato, Masi Agricola ha dato il via da qualche giorno alla vendemmia 2023 nei propri vigneti nelle Venezie e in Toscana. I primi grappoli raccolti sono quelli delle varietà precoci in Trentino, in Veneto e in Friuli. Ed ecco qual è la fotografia scattata dalle note dal vigneto del Gruppo Tecnico Masi per l’annata 2023, da Campofiorin a Fojaneghe. Una raccolta delle uve pronta a trasformarsi il 15 settembre in Masi Wine Experience a Tenuta Canova con la “Festa della Vendemmia”.

Le note Gruppo Tecnico Masi sull’annata e il commento di Mister Amarone

Le note dal vigneto del Gruppo Tecnico Masi registrano per l’annata 2023 l’andamento generale riscontrabile nel nord e centro Italia: inverno mite e poco piovoso, primavera con temperature sopra la media fino a maggio, mese che registra precipitazioni particolarmente importanti, conseguentemente ripresa vegetativa è risultata anticipata tra i 5 e i 10 giorni rispetto al 2022. 

La forte instabilità meteo della tarda primavera e inizio estate ha prima riassorbito l’anticipo fenologico, accumulando poi, un leggero ritardo. Il lungo periodo di piogge estive ha contribuito a uno sviluppo rigoglioso della parte vegetativa e del frutto, favorendo però attacchi fungini e il mal dell’esca sulle varietà più sensibili. 

In contemporanea grandinate importanti hanno colpito anche vasti areali. Le anomale temperature di agosto hanno rallentato l’attività metabolica della vite, già compromessa nei vigneti colpiti da grandine; pertanto, a essere registrato in generale è stato un ritardo di circa 6 o 7 giorni di maturazione rispetto al 2022. 

“Nelle operazioni di vinificazione sarà, quest’anno più che mai, richiesto un impegno congiunto dei viticoltori e dei winemaker per far fronte a difficoltà e anomalie”, commenta Sandro Boscaini, presidente di Masi Agricola conosciuto come Mister Amarone. “La scelta vendemmiale sarà estremamente importante e in cantina si dovrà tener conto delle differenti condizioni delle uve”.

“Masi è specialista nell’Amarone e nei vini d’Appassimento: è una grande fortuna che sino ad ora la Valpolicella Classica sia rimasta un’isola felice anche dal punto di vista meteorologico. Auspico quindi che il periodo vendemmiale continui in maniera regolare e tranquilla”.

Dal Veneto alla Toscana,  da Campofiorin a Fojaneghe, per Masi Agricola una vendemmia 2023 al via che si trasformerà in festa a Tenuta Canova.

La vendemmia 2023 di Masi Agricola da Campofiorin a Fojaneghe

Ecco dalla Valpolicella alla Toscana, qual è la fotografia scattata al via della vendemmia 2023 di Masi Agricola.

  • Veneto – Valpolicella

“La Valpolicella Classica finora tiene lo scettro di isola felice: non ci sono stati, infatti, danni generalizzati da eccessiva pioggia, né da grandine; la maturazione procede regolarmente; i grappoli sono sani e uniformi”. 

Sia nei vigneti Serego Alighieri a Gargagnago e nel mitico Vaio Armaron, come pure a Campofiorin, la vendemmia inizierà intorno alla metà di settembre seguita poi dalle raccolte di collina medio-alta nei vigneti dei grandi Amaroni: Mazzano, Campolongo di Torbe, Vaio di Masi e le vigne di Costasera. Si stimano quantitativi leggermente superiori rispetto alla media storica, ma comunque in linea con il disciplinare. 

  • Veneto – Lago di Garda

“I vigneti di Tenuta Canova a Lazise hanno registrato purtroppo una grandinata a fine luglio con perdita di quantità, fortunatamente non di qualità; infatti, l’uva ha ben cicatrizzato in breve tempo con condizioni meteo favorevoli”. 

A metà di settembre è prevista la raccolta delle uve Corvina, Rondinella e Corvinone. Nel vigneto a conduzione biologica di Rivoli stanno maturando bene sia Corvina che Merlot destinati al Fresco di Masi. 

  • Veneto – Soave

“Le piogge estive insieme alle brezze caratteristiche delle colline che producono il Soave Classico Levarie hanno aiutato la vite e in particolare i giovani impianti. Nel vigneto a conduzione biologica Colbaraca le uve si presentano in ottimo stato sanitario, spargole”. 

La vendemmia è prevista per metà settembre. 

  • Veneto – Lugana

“Purtroppo, le grandinate hanno danneggiato la produzione di questa denominazione particolarmente appetita in alcuni mercati. I vigneti dove si producono Lunatio e Beldosso non fanno eccezione; pertanto, le quantità saranno ridotte e le uve severamente cernite”.

  • Veneto – Valdobbiadene

“I vigneti della Tenuta Canevel, dove si produce il Setàge, sono stati interessati dalle grandinate di fine luglio, portando un leggero ritardo di maturazione; il tempo asciutto di agosto ha permesso di cicatrizzare le ferite. Si registra un leggero calo produttivo ma senza compromettere la qualità del raccolto, questo vale anche per i cru Terre del Faé e Campofalco”.

  • Trentino – Rovereto

“Nella Tenuta Conti Bossi Fedrigotti la vendemmia è iniziata subito dopo la settimana di Ferragosto con le uve destinate al Conte Federico Trento Doc Riserva: valori analitici adeguati e acidità molto buona. Lo stesso per il Pinot Grigio del Pian del Griso”. 

Nella seconda settimana di settembre si inizierà la raccolta delle uve a bacca rossa destinate a Fojaneghe, Teroldego e Marzemino.

  • Friuli – Castrion di Strada

“La vendemmia è iniziata il 24 agosto con le uve Pinot Grigio del Masianco, seguono le altre varietà bianche e successivamente quelle rosse. Si stimano quantitativi leggermente inferiori alla media a causa delle grandinate di luglio. Le uve presentano comunque parametri equilibrati e un buon accumulo zuccherino e fenolico”. 

  • Toscana

“La Tenuta dei Poderi del Bello Ovile in Val D’Orcia è da anni condotta con viticultura biologica. Precipitazioni abbondanti e difficoltà di intervento immediato in vigneto hanno favorito diffusi attacchi peronosporici. La quantità sarà limitata e sarà necessaria un’oculata selezione delle uve per la vinificazione. Conseguentemente la quantità è prevista in calo”.

La “Festa della Vendemmia” targata Masi Wine Experience a Tenuta Canova

Ma la vendemmia 2023 di Masi quest’anno non sarà soltanto tra le vigne. Il gruppo veneto, infatti, si prepara a celebrare la raccolta delle uve con un evento firmato Masi Wine Experience

Con la “Festa della Vendemmia” il 15 settembre, Masi Tenuta Canova a Lazise del Garda aprirà le porte agli appassionati che desiderano vivere in prima persona l’esperienza della vendemmia, condividendo questa antica arte con gli agronomi e gli enologi del Gruppo Tecnico Masi. 

Completeranno l’esperienza la visita del fruttaio per l’appassimento, delle cantine e del Masi Wine Discovery Museum. Per coronare la giornata, una cena degustazione in cui il vino sarà protagonista anche nel piatto.

Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare il numero +39 045 7580239 o scrivere a canova@masi.it.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER