• Trade

Vendemmia 2023, ora serve una strategia produttiva: i commenti da Riccardo Cotarella a Lamberto Frescobaldi 

BANNER

Scende di poco sotto i 44 milioni di ettolitri la produzione vitivinicola in Italia, in calo del 12% rispetto ai 50 milioni dello scorso anno. Ma come i protagonisti del mondo vino tricolore leggono i dati della vendemmia 2023. Ecco il giudizio da Riccardo Cotarella a Lamberto Frescobaldi: tra mercato e vigna, ora serve che il settore si dia una strategia produttiva a lungo termine.

Cosa pensano i protagonisti del vino italiano dei dati in calo della vendemmia 2023 in Italia: dal numero uno degli enologi Riccardo Cotarella al presidente Uiv Lamberto Frescobaldi

Così il presidente di Assoenologi, Riccardo Cotarella, fotografa la vendemmia 2023: 

“È una vendemmia 2023 molto complessa quella che stiamo affrontando, caratterizzata soprattutto dagli effetti dei cambiamenti climatici che sul finire della primavera e l’inizio dell’estate sono stati causa di malattie patogene come la Peronospora, alluvioni, grandinate e siccità”. 

“La fotografia che emerge dalle previsioni vendemmiali ci indica un calo della produzione di uve piuttosto significativo, soprattutto laddove la vite è stata ripetutamente attaccata dalla malattia. Sul fronte della qualità, il discorso è più complesso”. 

“Dalla vendemmia 2023 otterremo sicuramente vini di buona qualità, con punte di eccellenza. Molto – ha concluso il presidente di Assoenologi – dipenderà dal lavoro, a cominciare da quello degli enologi, eseguito in vigna e in cantina. È proprio in queste annate così strane che occorre mettere in campo tutte le conoscenze tecniche e scientifiche per mitigare i danni di un clima sempre più pazzo”. 

Vendemmia 2023, ora serve una strategia produttiva: i commenti dei dati in calo da Riccardo Cotarella a Lamberto Frescobaldi.

A intervenire sulla “perdita” del primato di produzione da parte dell’Italia a favore della Francia è il Commissario straordinario di Ismea, Livio Proietti:

“La contrazione produttiva di quest’anno non deve costituire un elemento di preoccupazione, visto il livello elevato di giacenze, che ha superato i 49 milioni di ettolitri, posizionandosi come il dato più alto degli ultimi sei anni”. 

“Il tema non è tanto la perdita della leadership italiana in termini di volumi prodotti, piuttosto il rallentamento della domanda interna ed estera, che sta deprimendo i listini soprattutto dei vini da tavola e degli Igt. Dobbiamo lavorare per ridurre il gap in termini di valore tra noi e la Francia e per rafforzare il posizionamento competitivo dei vini di qualità, facendo sì che anche i vini comuni siano sempre più caratterizzati rispetto ai competitor”.

A chiudere il giro di commenti sono le parole del presidente di Unione Italiana Vini, Lamberto Frescobaldi, che invita ad allargare gli orizzonti verso una strategia di lungo periodo: 

“Non ci possiamo più permettere di produrre 50 milioni di ettolitri come nelle ultime vendemmie, e non può essere una malattia fungina a riequilibrare una situazione che ha portato di recente al record di giacenze degli ultimi anni”. 

“Sorprende, a questo proposito, come molti si preoccupino ancora di rimanere detentori di uno scettro produttivo che non serve più a nessuno: oggi più che mai si impongono scelte politiche di medio e lungo periodo, a favore della qualità e di una riforma strutturale del settore”. 

Vendemmia 2023, ora serve una strategia produttiva: i commenti dei dati in calo da Riccardo Cotarella a Lamberto Frescobaldi.

“Tra le priorità, occorre chiudere finalmente il decreto sulla sostenibilità e ammodernare il vigneto Italia, mediamente vecchio, difficile da meccanizzare e costoso da gestire. Serve anche revisionare i criteri per l’autorizzazione a pioggia di nuovi vigneti in base alle performance delle denominazioni, oltre a ridurre le rese dei vini generici e rivedere il sistema delle Dop e Igp, compresa la loro gestione di mercato. Questi sono gli strumenti per consentire al vino italiano di fare il salto di qualità necessario ad affrontare sia la situazione congiunturale dei mercati che i cambiamenti strutturali della domanda e delle abitudini di consumo”. 

“Infine – ha concluso Frescobaldi – occorrerà cambiare marcia sul piano commerciale, a partire dalla semplificazione dell’Ocm Promozione e da una promozione di bandiera capace di coinvolgere le imprese sin dalla sua pianificazione”.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER