• Trade

Argea lancia la sfida della sostenibilità nel vino con la prima bottiglia al mondo con Bio Meg

BANNER

Un “patto tra aziende per la sostenibilità del settore”: è quello lanciato ieri in occasione di Argea – Habitat, convegno annuale sulla sostenibilità nel mondo del vino Argea. Il leader di comparto in Italia annuncia il progetto, pronto ad esordire per Vinitaly 2024, della prima bottiglia al mondo con Bio Meg, il Pet di seconda generazione che deriva da colture non destinate a produzioni alimentari, e presenta una nuova bottiglia in vetro alleggerito. Ma c’è di più: il Gruppo ha infatti lanciato la sfida che traguarda 44,5 milioni di bottiglie nel 2025 per un risparmio di emissioni pari a quelle prodotte dalle abitazioni di 1000 famiglie italiane in un anno.

Alleggerire l’impronta carbonica delle proprie bottiglie: la sfida di Argea e l’orizzonte 2025

Più della metà dell’impronta carbonica di una bottiglia di vino, il 53%, viene del packaging, ossia da quella parte di filiera che l’azienda vinicola non controlla.

Partendo da questa evidenza Argea, il Gruppo leader del settore vitivinicolo in Italia, ha deciso di dedicare Habitat – il convegno annuale sulla sostenibilità del settore – al packaging e alle sue molteplici implicazioni: ambientali, tecnologiche e sociali. E ha colto l’occasione dell’incontro per presentare i risultati del suo impegno su questo fronte nonché gli ambiziosi progetti in itinere.

Prima tra tutte “l’Albero della Vite”, progetto disegnato da Gentlebrand e realizzato in collaborazione con Verallia.

Una nuova bottiglia in vetro decorato per vini spumanti di qualità, alleggerita di 100 grammi rispetto alla media del settore per un risparmio di 43 tonnellate di CO2 all’anno che contribuirà, nel 2024, a una riduzione delle emissioni equivalenti a quelle prodotte da 500 auto per percorrere 12 volte la distanza tra la terra e la luna.

A Vinitaly 2024 la prima bottiglia con Bio Meg, il Pet di seconda generazione: Argea lancia la sfida della sostenibilità nel mondo del vino.
Enrico Gobino, responsabile marketing Argea

Inoltre, Argea ha lanciato una sfida importante ai produttori di vetro affinché possano supportare la sua ambizione di alleggerire ulteriormente il peso di una quota consistente della propria produzione di bottiglie che nel 2025 potrebbe raggiungere i 44,5 milioni di unità, permettendo una riduzione di 3.420 ton di vetro e tagliando in questo modo le emissioni di anidride carbonica pari a quelle prodotte da 1000 famiglie italiane in un anno.

In arrivo a Vinitaly 2024 la prima bottiglia al mondo con Bio Meg, il Pet di seconda generazione

La ricerca sul packaging di Argea, tuttavia, non si limita al vetro. Un nuovo, innovativo progetto è quello condotto con Upm Raflatac, uno dei principali fornitori mondiali di materiali per etichette.

Si tratta della prima bottiglia al mondo, realizzata con Bio Meg, il Pet derivante esclusivamente da fonti vegetali di seconda generazione, ovvero da colture non destinate a produzioni alimentari.

La bottiglia verrà lanciata al prossimo Vinitaly 2024, sarà la prima soluzione al mondo in Pet nell’ambito vitivinicolo e promette una riduzione del 40% delle emissioni di CO2 rispetto al tradizionale Pet fossile. 

Habitat ha visto la partecipazione dei principali operatori del settore e dei rappresentanti della filiera del vino e ha preso in esame tutto il comparto: dai produttori di packaging ai distributori ai consumatori finali.

Moderati da Giulio Somma, direttore del Corriere Vinicolo, hanno partecipato alla discussione Paolo Marco Tamborrini, docente di Disegno Industriale presso l’Università di Parma e il Politecnico di Torino, Stefano Pistoni, Senior Manager, Business Development, Wine & Spirits, Beverage di Upm Raflatac, Carlos Manuel Veloso dos Santos, amministratore delegato di Amorim Cork Italia S.p.A., Alessandro Rossi, National Category Manager Wine di Partesa s.r.l., Andrea Stella, Sales Coordinator Nord Est Wine & Sparkling di Verallia Italia, ed Eugenio Galbiati, titolare del Ristorante del Centro e del Nine Hotel di Monza.

Affidate ad Argea quale organizzatore del convegno le conclusioni della giornata di lavori:

“Affrontare un approccio sostenibile oggi, vuol dire creare filiere in grado di mitigare gli impatti del nostro agire dall’inizio alla fine della vita dei prodotti”, ha affermato Michael Isnardi, Sustainability Director di Argea. “Chi è a valle del processo produttivo non può, da solo, compensare le mancanze di chi è a monte, ma al contempo deve contribuire agli sforzi di tutta la sua filiera di fornitura perché possa portare avanti un percorso virtuoso”.

E Massimo Romani, amministratore delegato di Argea, ha chiosato:

“Oggi abbiamo capito che la sostenibilità si costruisce a livello di sistema. Lo scopo finale di tutti noi deve diventare la creazione di un ecosistema industriale che ponga al centro del proprio agire la responsabilità non solo delle singole aziende ma piuttosto delle aziende come parte di un patto di sostenibilità. Quindi, voglio concludere questa edizione di Habitat lanciando un patto per la sostenibilità con i nostri partner-fornitori dove Argea si farà promotrice di un innovativo ecosistema industriale costruito sulla prospettiva di un futuro diverso dove metteremo a fattor comune la cura del nostro habitat”.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER