• Trade

Casanuova di Nittardi: il Chianti Classico 2021 “Vigna Doghessa” porta la firma dall’artista James Ivory

BANNER

La famiglia Canali-Femfert, proprietaria della tenuta Nittardi, è pronta  a svelare l’ultima annata del suo vino simbolo: Casanova di Nittardi “Vigna Doghessa” 2021,  espressione in purezza di Sangiovese, che in questa ultima edizione porta la firma di James Ivory. Il Chianti Classico “Vigna Doghessa” è il vino al quale dal 1981 la famiglia dedica un progetto  d’arte giunto, con l’annata 2021, alla 41° edizione. Per questo progetto è stata scelta “Vigna Doghessa”, un vigneto vocato che regala una  lettura autentica della complessità del luogo in termini di ricchezza geomorfologica e di  risposta delle viti ad un terroir che può essere paragonato esso stesso ad un’opera d’arte.

Questa vigna, a 450 metri sul livello del mare, bene esposta e protetta da una ricca zona boschiva ha un terreno profondo e ricco di galestro e alberese, che conferiscono al vino una  forte mineralità e una piacevole freschezza. 

Casanova di Nittardi: il Chianti Classico 2021 “Vigna Doghessa” porta la firma dall’artista James Ivory. Léon Femfert.
Léon Femfert

“Il processo che trasforma l’uva è artigianato e lega l’ingegno dell’uomo alla natura” spiega  Léon Femfert, alla guida della tenuta. “L’artista lavora con il foglio bianco e usa i colori per rappresentare la realtà, mentre il vignaiolo lavora con ciò che la natura gli mette a  disposizione e che non può modificare ma solo accompagnare ed interpretare nel miglior  modo possibile attraverso la conoscenza e la creatività in vigna e in cantina. L’arte, a Nittardi, racconta il vino e l’etichetta ferma nel tempo le emozioni che esso genera”. 

Questa è la filosofia su cui si è fondata la storia dei viticoltori di Nittardi e che ha dato  origine ad una collezione eno-artistica di grande spessore e costanza. Dal 1981, infatti, la  famiglia Canali-Femfert, anche galleristi in Germania, si ripropone di esaltare il carattere di  questo vino attraverso l’arte. Per ogni annata, un artista viene invitato a vivere la  realtà di Nittardi e da lì a creare due opere, una per la carta seta che impreziosisce ogni  bottiglia e una per l’etichetta, che esprime ogni anno con diverse sfaccettature, il valore del vino interpretato dall’artista. 

Casanova di Nittardi: sull’etichetta del Chianti Classico Vigna Doghessa, due volti di una stessa anima

Tanti i pittori, musicisti, scrittori, coinvolti in questi anni, tra i quali spiccano nomi illustri come Hundertwasser, Yoko Ono, Günter Grass, Igor Mitoraj, Dario Fo, Mimmo Paladino,  Fabrizio Plessi. L’annata 2021 è firmata dal regista e scrittore Premio Oscar James Ivory, noto a livello internazionale per i suoi numerosi film, tra i quali Camera con vista ambientato a Firenze.

La passione per l’Italia e per Venezia in particolare, è il filo conduttore che  riconduce alle origini veneziane della famiglia. Ed è proprio ricordando questa origine che  James Ivory intitola l’etichetta “I due Frari”, i due Fratelli. Amante dell’arte visiva sin da  giovanissimo, per vestire al meglio Casanova di Nittardi 2021 Ivory si è avvalso in modo raffinato dell’arte del collage, utilizzata con profluvio cromatico anche per la carta seta “Omaggio a Matisse”. 

Casanova di Nittardi: il Chianti Classico 2021 “Vigna Doghessa” porta la firma dall’artista James Ivory. Léon Femfert.

In etichetta sono raffigurati di profilo i due fratelli Léon e Damiano Femfert, due volti di una stessa anima, incorniciati nei colori più caldi della terra del Chianti, l’oro, l’azzurro e il vermiglio. “Per la prima volta”, racconta Léon Femfert, “l’artista si concentra sulla famiglia.  L’uomo diventa protagonista dell’etichetta. I colori scelti, il rosso e il giallo, descrivono  proprio l’annata potente, d’impatto e solare”. 

Quella del 2021 è stata infatti un’annata caratterizzata da un buon equilibrio climatico, che  si riflette sul trionfo sommesso dell’eleganza di questo vino. “Caratteristiche che si riflettono  nel vino dal colore rosso rubino vibrante, intensamente profumato di ciliegie, viola e note di  erbe aromatiche e spezie. I tannini sono morbidi, regalano setosità al vino e lasciano il passo  ad un finale lungo e incredibilmente persistente”, lo descrive Léon. 

Il Chianti Classico Vigna Doghessa 2021 risulta un vino piacevolmente complesso, dinamico che ben racconta la dedizione del viticoltore e le sue idee come può esserlo un’opera d’arte. “Casanova di Nittardi”, conclude Léon, “è un emblema del modo di vedere  il vino per noi a Nittardi. Un processo di alta professionalità che si svolge come la vita, con  slanci creativi e meditativi. Il vino è Cultura, con C maiuscola, come l’arte, il cinema e la  poesia”.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER