• Trade

Caos etichette vino: centinaia di milioni a rischio distruzione con la nuova normativa Ue 

Dello stesso argomento

BANNER

Caos etichette per il vino Ue. Le linee guida della Commissione Europea sulle nuove norme sull’etichettatura del vino pubblicate oggi includono, appena due settimane prima dell’applicazione delle nuove norme, una nuova interpretazione della normativa che incide sull’aspetto che dovrebbero avere le etichette. Il Comitato Europeo delle Aziende Vitivinicole (Comité Vins – Ceev) chiede una modifica urgente delle Linee Guida per evitare la distruzione di centinaia di milioni di etichette di vino già stampate o presenti sugli scaffali.

Centinaia di milioni di etichette da distruggere a seguito della modifica dell’ultimo minuto alla nuova normativa Ue sull’etichettatura del vino

Il Regolamento (Ue) 2021/2117 pubblicato il 6 dicembre 2021, impone a partire dall’8 dicembre 2023, l’etichettatura obbligatoria dell’elenco degli ingredienti e della dichiarazione nutrizionale dei vini e dei prodotti vitivinicoli aromatizzati. Tuttavia, la legislazione dà ai produttori la possibilità di rendere disponibile la dichiarazione nutrizionale completa e l’elenco degli ingredienti per via elettronica (e-label).

Le aziende hanno accolto con favore questo nuovo regolamento che fornisce un modo adeguato a informare i consumatori e si sono fortemente impegnate ad implementarlo rapidamente.

“Considerando i lunghi tempi necessari per preparare le informazioni, modificare il design delle etichette e stamparle, le aziende vinicole dell’Ue hanno iniziato molti mesi fa a prepararsi per rispettare la scadenza. Stimiamo che oggi siano già state stampate diverse centinaia di milioni di etichette, molte delle quali già sugli scaffali”, spiega Mauricio González Gordon, presidente della Ceev.

In buona fede e nel rispetto del Regolamento (UE) 2021/2117 e di tutte le informazioni ufficiali disponibili, la grande maggioranza degli operatori del settore vitivinicolo ha deciso di identificare i QR-code con il simbolo registrato ISO 2760, universalmente noto per identificare un luogo in cui si trovano informazioni. Ma oggi la Commissione ha pubblicato le sue Linee guida che contengono una nuova interpretazione del regolamento Ocm vino in cui si afferma che la presentazione di un codice QR dovrebbe essere chiara per i consumatori per quanto riguarda il suo contenuto, che il codice QR deve essere identificato sull’etichetta con il termine “ingredienti” e aggiungendo incertezza riguardo al regime linguistico da applicare.

In tal modo, la nuova interpretazione della Commissione mina drammaticamente il principio della certezza del diritto e delle legittime aspettative degli operatori economici e ignora la volontà politica espressa dai colegislatori all’adozione del regolamento (Ue) 2021/2117.

La pubblicazione delle Linee Guida a sole due settimane dall’entrata in vigore rende impossibile l’adeguamento degli operatori economici e ignora inoltre il principio di proporzionalità tra libera circolazione delle merci, competitività e informazione dei consumatori.

“Non possiamo accettare una nuova interpretazione, pubblicata 14 giorni prima della data di applicazione, che implicherà, da un lato, la distruzione di centinaia di milioni di etichette già stampate e, dall’altro, la nostra incapacità di stampare nuove etichette in tempo per rispettare la nuova scadenza regolamentare. Chiediamo quindi alla Commissione di modificare urgentemente le Linee Guida”, aggiunge il presidente Ceev.

Al di là della tempistica irrealistica per pubblicare un’interpretazione che incide sulle pratiche di etichettatura, il Ceev è fortemente in disaccordo anche con l’interpretazione stessa della Commissione. Nella stessa linea, la Commissione per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo e diversi Stati membri (tra cui Spagna, Italia, Francia e Portogallo) hanno comunicato ufficialmente le loro preoccupazioni alla Commissione Europea e il loro sostegno all’interpretazione del Ceev.

Caos etichette vino: centinaia di milioni da distruggere con l'ultima modifica alla linee guida della nuova normativa Ue sull’etichettatura.

“L’interpretazione della Commissione porta più incertezza che altro e lascia le aziende vinicole all’oscuro su cosa fare ora”, afferma Ignacio Sánchez Recarte, segretario generale del Ceev.

“L’interpretazione è pura burocrazia. Ciò va contro lo spirito del regolamento, mette a repentaglio il mercato unico dei vini e interpreta in modo sproporzionato i regolamenti sull’Ocm e sulle informazioni sugli alimenti ai consumatori. L’interpretazione cancella il principale vantaggio apportato dal sistema di etichettatura elettronica. Stiamo valutando tutte le possibili strade per salvaguardare il mercato unico e gli interessi delle aziende vinicole fornendo al contempo adeguate informazioni ai consumatori”.

Solo il 27 settembre 2023, la Commissione Europea ha presentato agli Stati membri, nel quadro di una riunione Grex, una bozza delle “Domande e risposte sull’attuazione delle nuove disposizioni dell’UE sull’etichettatura del vino” inclusa la nuova interpretazione che richiede di effettuare un chiaro riferimento sull’etichetta al contenuto delle informazioni fornite per via elettronica.

La bozza del documento della Commissione includeva una dichiarazione di non responsabilità che sottolineava che “il documento non è stato adottato o approvato dalla Commissione europea. Qualsiasi opinione espressa costituisce il punto di vista preliminare dei servizi della Commissione e non può in nessun caso essere considerata come una posizione ufficiale della Commissione”.

banner
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER