• Collection

La ricetta stellata da abbinare al Barolo Docg Paiagallo Vigna La Villa 2019 di Fontanafredda

BANNER

Uovo bianco in camicia con crema di patate della Val Varaita, salsa all’uovo e tartufo bianco d’Alba dello chef Stella Michelin Ugo Alciati e Barolo Docg Paiagallo Vigna La Villa 2019 Fontanafredda: ecco l’abbinamento gourmet con una ricetta stellata con cui aprire al meglio il 2024.

Uovo bianco in camicia e il meglio del Piemonte: la ricetta stellata di Ugo Alciati, chef di Guidoristorante al Villaggio Narrante di Fontanafredda

Ugo Alciati, chef dello stellato Guidoristorante al Villaggio Narrante di Fontanafredda, sceglie le uova della fattoria La Fornace di Alessandro Varesio per un abbinamento perfetto da accostare al Barolo Docg Paiagallo Vigna La Villa 2019 di Fontanafredda, vino elegante dai sentori fruttati, premiato con 95 punti da Wine Spectator.

Nel cuore delle Langhe Patrimonio Mondiale dell’Unesco, nasce così un’estrosa interpretazione del classico uovo in camicia, frutto della creatività della storica stella Michelin del Piemonte e ambasciatore del tartufo nel mondo.

Uovo bianco in camicia e il meglio del Piemonte: la ricetta stellata da abbinare al Barolo Docg Paiagallo Vigna La Villa 2019 di Fontanafredda

Una raffinata portata che amplia la ricetta della tradizione con ingredienti di prima qualità accuratamente selezionati, l’uovo bianco in camicia con crema di patate della Val Varaita, salsa all’uovo e tartufo bianco d’Alba racconta in una ricetta stellata il meglio del Piemonte in tavola.

Nella narrazione nel piatto che dà forma a un’originale prelibatezza si distinguono senza dubbio le patate di montagna della Val Varaita, suggestiva insenatura ai piedi del Monviso, e “l’oro bianco delle Langhe”, il pregiatissimo tartufo bianco d’Alba, riconosciuto quale assoluta eccellenza del panorama gastronomico piemontese.

Le uova, poi, sono la vera “star” del piatto: a marchio Le Camille, prodotte da Alessandro Varesio nella fattoria La Fornace, sono la dimostrazione di quanto siano importanti l’ambiente, l’alimentazione e il benessere animale per ottenere delle materie prime di elevata qualità. 

Le galline de La Fornace vengono allevate all’aperto, nella campagna astigiana, con mangimi senza ogm e con ciò che la natura ha da offrire, come insetti e vermetti: queste importanti accortezze fanno sì che questi prodotti siano la base perfetta per una proposta d’alta cucina.

La creazione dello chef Alciati, poi, si arricchisce di numerose nuance rese possibili dal sapiente utilizzo degli ingredienti che vanno a comporre la salsa destinata ad accompagnare l’uovo e la crema di patate; alloro, dragoncello e tabasco sono alcuni degli elementi che, in una sinfonia di sapori, vanno ad arricchire il piatto.

E cosa meglio per accompagnare questa creazione del Barolo Docg Paiagallo Vigna La Villa 2019, consigliato da Piero Alciati, fratello di Ugo e maître-sommelier di Guidoristorante. 

Come nasce il Barolo Docg Paiagallo Vigna La Villa 2019 di Fontanafredda

Paiagallo Vigna La Villa è un Barolo Docg fruttato ed elegante, con una grande ricchezza di palato e un tannino dolce: nella sua annata 2019 Fontanafredda ha deciso di tornare a produrlo, riscontrando ottimi risultati nel panorama vitivinicolo. L’ultimo, i 95 punti assegnati da Wine Spectator, una delle più prestigiose guide internazionali. 

Nel segno di un nuovo Rinascimento, il desiderio di Fontanafredda è quello di tornare a raccontare l’unicità del territorio in ogni singola Mga, e ancor di più in ogni singola vigna, esaltando la biodiversità delle Langhe. 

Uovo bianco in camicia e il meglio del Piemonte: la ricetta stellata da abbinare al Barolo Docg Paiagallo Vigna La Villa 2019 di Fontanafredda

E proprio quella del Barolo Docg Paiagallo è una Mga, nella zona di Barolo, che si contraddistingue per le sue forme armoniosamente tondeggianti, con un’ottima esposizione a est. Al suo cuore, prende forma questa etichetta in una delle vigne più storiche di Fontanafredda, che deve il suo nome alla cascina reale ai piedi di Vigna La Villa, situata a Barolo in una lingua di terra ricca di limo, sabbie e argilla. 

Le caratteristiche che rendono grande questo vino esaltano e impreziosiscono le sfumature dell’uovo in camicia: profumi di piccoli frutti rossi che ricordano le more con un palato ricco, lungo e dal tannino dolce, tipico di un grande Barolo e capace di donare eleganza a un’importante complessità.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER