• Trend

Doc delle Venezie in controtendenza: +2% imbottigliato nel 2023

BANNER

Doc delle Venezie avanti in controtendenza sulle performance statiche di un mondo del vino che ha pagato nell’ultimo anno inflazione e rincari dei listini. A chiusura di 12 mesi caratterizzati da difficoltà per il settore vitivinicolo nazionale, che ha visto cali generalizzati di volumi e fatturati, la Denominazione d’origine interregionale – la seconda più estesa in Italia e caposaldo del Sistema Pinot Grigio del Nordest che riunisce gli operatori della filiera produttiva di Pinot Grigio di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Provincia Autonoma di Trento – manda in archivio il 2023 nel segno della positività. Un bilancio incoraggiante in un anno evidentemente complicato, con quasi 5 milioni di bottiglie in più sul mercato rispetto all’anno precedente, per un totale di 1.661.384 ettolitri imbottigliati nell’anno solare (fonte Triveneta Certificazioni). Ecco tutti i numeri e i trend, tra Italia ed export, dell’imbottigliato Doc delle Venezie.

Imbottigliato in crescita anche nel 2023 per il Pinot Grigio Doc delle Venezie

Da un’analisi degli andamenti annuali della Doc delle Venezie rilevati dal 2018, primo anno di completa attività della Denominazione d’origine, si conferma il trend che vede puntualmente superati gli 1,6 milioni di ettolitri imbottigliati, in grado di resistere alle complesse situazioni di mercato causate dalla pandemia e dalla situazione geopolitica internazionale. Il punto di riferimento mondiale del Pinot Grigio si conferma così saldamente la seconda Denominazione d’origine italiana per volumi.

Nel quadro generale, si rileva anche una minore disponibilità di vino ottenuto nelle precedenti annate – pari a -7% rispetto alla rilevazione al 1° gennaio 2023, che vale poco più di un mese di imbottigliamento – trend che va di pari passo con l’inizio degli imbottigliamenti della nuova stagione produttiva, testimoniato dall’utilizzo, a fine dicembre 2023, di 83.588 ettolitri di vino ottenuto dalla corrente campagna. 

+2% imbottigliato nel 2023 per il Pinot Grigio Doc delle Venezie: 2024 della seconda Denominazione d’origine italiana per volumi.

Gli obiettivi 2024 della seconda Denominazione d’origine italiana per volumi

Oltre a mettere in luce risultati importanti  che riflettono l’ottimo lavoro svolto dal Cda del Consorzio di tutela nelle scelte di gestione, il 2024 apre un nuovo capitolo per la Doc Delle Venezie, a partire dalla recente nomina del nuovo direttore del Consorzio Stefano Sequino, che ha già reso noti i principali obiettivi dei prossimi mesi: promuovere la collegialità e rafforzare le politiche di gestione dell’offerta del Pinot grigio Delle Venezie, insistere sulla valorizzazione internazionale della Doc e, non meno importante, fidelizzare il mercato domestico. 

Con oltre 27 mila ettari di vigneto potenzialmente rivendicabili, la Doc Delle Venezie rappresenta oggi una garanzia di stabilità del Nordest, essendo chiamata a gestire, oltre al proprio potenziale, anche i quantitativi riclassificati da parte delle altre denominazioni di origine territoriali. 

“Garantiamo un importante equilibrio di sistema delle denominazioni di origine del Triveneto a produzione di Pinot Grigio”, spiega il presidente del Consorzio di Tutela Albino Armani. “Rappresentiamo un valido sostegno in termini di posizionamento internazionale e qualità, anche grazie alla garanzia di tracciabilità attestata da Triveneta Certificazioni e dal contrassegno di Stato su tutte le bottiglie in commercio”. 

+2% imbottigliato nel 2023 per il Pinot Grigio Doc delle Venezie: 2024 della seconda Denominazione d’origine italiana per volumi.

Per questo, chiude il direttore Stefano Sequino, “sarà importante rafforzare le misure di governo dell’offerta utili per supportare la filiera e monitorare i volumi nonché le attività di promozione, anche sul mercato interno, con l’obiettivo di sostenere visibilità, identità territoriale ed il massimo riconoscimento da parte dei consumatori. L’obiettivo, sul fronte della promozione è consolidare i mercati maturi, come Stati Uniti, Uk, Germania e Canada ma anche raggiungere e sollecitare i mercati emergenti”.   

Il Consorzio è infatti pronto a ripartire con le attività promozionali ed informative volte a rafforzare la presenza nei mercati e ad aumentare sempre più il valore identitario della denominazione in termini di qualità, cultura e territorio. Oltre a partecipare alle principali fiere di settore, a iniziare da Wine Paris & Vinexpo, ProWein e Vinitaly, la Doc Delle Venezie ha puntato i riflettori anche in Asia sud-orientale, con l’obiettivo di sviluppare nuovi network con il pubblico specializzato di buyer, stampa e professionisti del settore.

Il Consorzio inoltre è oggi testimone di un percorso di crescita della percezione qualitativa della denominazione di origine Delle Venezie e di una sempre maggiore fidelizzazione dei partner commerciali esteri, che continuano a scegliere e a sostenere la sua unicità.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER