• Trade

Valpolicella sempre più green: è sostenibile il 39% del vigneto

BANNER

La Valpolicella inserisce la quarta e accelera su bio e sostenibilità. A evidenziarlo è l’aggiornamento dei dati condiviso dal Consorzio tutela vini in occasione di Amarone Opera Prima, in scena in questo weekend a Verona. Arrivano dai numeri le conferme di un trend non nuovo per il territorio su cui insiste la Doc scaligera, che già un anno fa sui 19 comuni della Denominazione rossa più importante del Veneto evidenziava valori che segnalano di un vigneto che si fa, anno dopo anno, più green. Un “lifting verde”, quello della Valpolicella, che 12 mesi fa, stando ai dati Avepa, indicava un’incidenza di imprese biologiche o certificate Sqnpi (il Sistema di qualità nazionale di produzione integrata), balzata dal 3% al 33% in un decennio, con gli allora 2873 ettari vitati “verdi” (su un totale di 8586) contro i 212 del 2012. E oggi, il dato fa un ulteriore importante passo in avanti, innestando la marcia che porta il valore a toccare quota 39%.

Cresce ancora la quota green del vigneto in Valpolicella: il vino veronese accelera sulla sostenibilità

La Valpolicella spinge ancora sull’acceleratore, direzione sostenibilità. Lo fa con un balzo del 20% degli ettari certificati Sqnpi (il Sistema di qualità nazionale di produzione integrata) rispetto al 2022, che porta l’incidenza 2023 del vigneto green al 39% della superficie vitata tutelata. 

Per Christian Marchesini, presidente del Consorzio tutela vini Valpolicella che ha commentato i dati dell’Agenzia regionale Avepa rilasciati in occasione di Amarone Opera Prima 2024 in chiusura oggi: 

“Si tratta di un risultato raggiunto in un solo decennio, frutto di un’attenzione costante e crescente al rispetto del territorio e dell’ambiente. A questi 2000 ettari si aggiungono poi quelli a conduzione biologica certificata, per un totale di oltre 3320 ettari green, complessivamente il 16% in più dello scorso anno”. 

E anche il vigneto biologico ha registrato tra il 2022 e il 2023 un aumento del 9%, portando la Denominazione a raggiungere il traguardo dei 1321 ettari bio, con una crescita monstre decennale del 781%: erano, infatti, 150 nel 2012. 

Vino della Valpolicella accelera in sostenibilità: il 39% del vigneto della Denominazione è green per i dati presentati ad Amarone Opera Prima

Un impegno alla sostenibilità, quello messo in campo dal vino veronese, tutt’altro che secondario, laddove si guardi l’impatto che ha sul territorio. Con oltre 2400 aziende tra viticoltori, vinificatori e imbottigliatori, infatti, l’area di produzione si estende in 19 comuni della provincia di Verona, dalla Valpolicella fino alla città scaligera, e detiene il primato del vigneto urbano più grande dello Stivale: 8600 ettari di filari.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER