• Trade

Cantina di Venosa: un 2023 positivo con 1,9 bottiglie vendute e fatturato di 7,4 milioni di euro

Dello stesso argomento

BANNER

Cantina di Venosa ha archiviato l’anno 2023 registrando un aumento del fatturato del 17%, con un incremento di bottiglie vendute (+ 11%) rispetto al 2022. Performance in linea con un trend di crescita costante: rispetto al 2019 + 30% in valore e + 72% in volume. “Sono numeri importanti che segnano un percorso di sviluppo su cui ci stiamo impegnando da anni con tanti progetti su più fronti”, ha commentato il presidente di Cantina di Venosa, Francesco Perillo. “Abbiamo rivoluzionato di recente la nostra organizzazione logistica per mettere in efficienza il magazzino e la gestione degli ordini, avvalendoci di macchinari robotizzati. E già da anni stiamo crescendo con un approccio di sostenibilità, un tema questo su cui siamo impegnati con tanti progetti, tra cui la scansione satellitare di una parte sempre più consistente dei nostri vigneti, al momento 150 ettari, per avere ogni settimana una fotografia del ciclo vegetativo che ci permette di sapere con estrema precisione dove si verificano condizioni di stress idrico o rischi di malattie patogene e intervenire tempestivamente. Ma oltre al progetto del Sentinel siamo da tempo impegnati anche nella sostenibilità economica e sociale. Abbiamo promosso un Codice Etico per i dipendenti, i fornitori e i clienti; abbiamo adottato un insieme di norme volontarie e certificazioni che assicurano ulteriormente la salubrità dei vini. Nel 2022 è nato il Bilancio di Sostenibilità e l’anno scorso è arrivata la certificazione Equalitas sulla sostenibilità ambientale. Presto completeremo la prima parte dei lavori di un grande progetto di riqualificazione della nostra cantina, con un progetto di architettura sostenibile”. 

Cantina di Venosa: produzione, codice etico e sicurezza alimentare

Cantina di Venosa, azienda cooperativa del Vulture nel 2023 ha venduto 1,9 milioni di bottiglie per un ricavo che si è attestato a 7,4 milioni di euro. Fondata nel 1957 da 27 soci, la cooperativa conta 350 viticoltori (oltre il 50% giovani) e 800 ettari di vigne, con una resa di 50 mila quintali d’uva (90% aglianico del Vulture) e 35mila ettolitri di vino. Complessivamente produce quasi 2 milioni di bottiglie – su un potenziale di 5 milioni – e 21 etichette, in maggioranza di Aglianico del Vulture Doc e Docg. Il Codice Etico di Cantina di Venosa è un documento che stabilisce i principi generali e le azioni ispirate ai valori di sviluppo sostenibile (economico, ambientale e sociale) e compatibile con obiettivi di crescita aziendale e con la difesa del territorio e delle produzioni tradizionali; in linea con l’art. 1 della legge n. 238 del 12 dicembre 2016 (testo Unico della Vite e del Vino), il quale considera il vino “Patrimonio culturale nazionale. Il vino, prodotto della vite, la vite e i territori viticoli, quali frutto del lavoro, dell’insieme delle competenze, delle conoscenze, delle pratiche e delle tradizioni, costituiscono un patrimonio culturale nazionale da tutelare e valorizzare negli aspetti di sostenibilità sociale, economica, produttiva, ambientale e culturale”. Per la sicurezza alimentare Cantina di Venosa fa molto di più di quanto previsto dalle norme di legge. Ha adottato un insieme di norme volontarie e certificazioni che assicurano ulteriormente il consumatore sulla salubrità dei vini. Tra queste, un sistema di gestione dei processi produttivi conforme alla ISO 22005:2008 (integrato agli standard BRCG versione 9 e IFS versione 7), che garantisce requisiti di sicurezza alimentare anche per prodotti a marchio del cliente e per tutti quelli destinati alla grande distribuzione.

banner
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER