• Eventi

Elemento Indigeno presenta dieci produttori da tutto il mondo a Slow Wine Fair 2024

Elemento Indigeno presenta dieci produttori da tutto il mondo a Slow Wine Fair 2024
BANNER

Elemento Indigeno si racconta in occasione di Slow Wine Fair (Bologna Fiere, 25-27 febbraio), portando in primo piano dieci produttori provenienti da diverse parti del mondo.

Da paesi come la Georgia e il Cile, passando per la Spagna e la Francia fino alla Svezia e alla Repubblica Ceca, fino ad arrivare all’Italia, all’Australia e al Perù, questa selezione rappresenta un viaggio entusiasmante attraverso varie culture e tradizioni vinicole. Dieci produttori, selezionati con cura tra i novantasette inclusi nel catalogo di Elemento Indigeno, condividono le loro storie e le loro passioni in un dialogo che supera i confini convenzionali.

Alessandro Salvano

Tra le cantine presenti in fiera, troviamo:

  • DWNL – Drink Wines, Not Labels (Italia): Un progetto audace che sfida le convenzioni del mondo vinicolo, situato nelle Langhe oltre i confini del Barolo.
  • Tenuta il Nespolo (Italia): Guidata da Luca e Domenico, si distingue per una viticoltura attenta e un’ideologia vitivinicola precisa.
  • Domaine Arsac (Francia): Producono vini naturali con un approccio sostenibile sia in vigna che in cantina.
  • Sifer Wines (Spagna): Un’azienda familiare che produce vini naturali con un approccio genuino e poco interventista.
  • Pomologik (Svezia): Valorizzano il sidro artigianale svedese utilizzando mele selvatiche e biologiche.
  • Krásná Hora Winery (Repubblica Ceca): Producono vini aromatici e freschi nella storica zona vitivinicola della Moravia.
  • Netanadze (Georgia): Recuperano antiche vigne e vinificano con metodi tradizionali, ottenendo vini di alta qualità.
  • Poppelvej (Australia): Con una visione legata alla produzione di vini autentici che riflettono il territorio e l’artigianato.
  • Cacique Maravilla (Cile): Produttori di vini naturali che rispettano le tradizioni vitivinicole cilene.
  • Corpisco (Perù): Impegnati nella produzione di pisco di alta qualità e nella valorizzazione delle tradizioni locali.

Durante la fiera, Elemento Indigeno sarà protagonista della masterclass “Grappolo intero: confronto tra vecchio e nuovo mondo“, con Alessandro Salvano (DWNL, Italia) e Uffe Deichmann (Poppelvej, Australia), moderati da Paolo Camozzi, vice-curatore di Slow Wine.

E’ da  non perdere l’evento  organizzato da Elemento Indigeno presso Lortica (Via Mascarella, 26B) domenica 25 febbraio, dalle 19:30 alle 21:30, aperto ai consumatori finali, per degustare e acquistare i vini delle cantine presenti in fiera.

Appuntamento quindi a Slow Wine 2024, Pad 20 stand K1-K10 per un’esperienza imperdibile che celebra la diversità e la ricchezza dei territori vinicoli del mondo.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER