• Trade

WineCouture, anno cinque, numero 1/2: l’anno che verrà, parola ai distributori

BANNER

Primo numero del 2024 per WineCouture, il quinto anno di vita del nostro magazine B2B dedicato a operatori e aziende del mercato Horeca. Ed è proprio dai volti, che finiscono anche in copertina, di alcuni protagonisti del mondo della distribuzione Wine & Spirits che ripartiamo in questo nuovo giro d’orologio. Si parla dell’oggi e del domani del canale Horeca nel numero 1/2-2024 che apre l’anno. Un dossier quantomai ricco, che – attenzione! – non si esaurisce su carta ma prosegue online con il racconto di tutte le novità 2024 a catalogo dedicate al fuori casa dei principali distributori italiani. Per un nuovo capitolo che si fa annuncio di mesi intensi, i prossimi, che attendono il nostro sistema editoriale, che ha fatto il suo esordio in questo inizio 2024 anche a livello internazionale accompagnato dalla newsletter dedicata. 

L’oggi e il domani dell’Horeca nelle interviste di WineCouture ai principali distributori italiani

Il via del nuovo numero di WineCouture è da Parigi, con il resoconto sul campo di come è andata Wine Paris & Vinexpo Paris 2024 nelle nostre videointerviste esclusive. Una kermesse, quella parigina, che ha sancito anche il debutto internazionale del nostro sistema editoriale.

Si ritorna poi in Italia con l’anno che verrà nel canale Horeca: retrospettive e prospettive per il mercato del vino nel fuori casa raccolte dalla voce dei principali distributori italiani.

Un’analisi, quella del nostro dossier, che prosegue poi con un altro protagonista a raccontare il nuovo inizio per vini e distillati all’asta in questo 2024: con Lionel Cuenca, fondatore di iDealwine, abbiamo tracciato un bilancio sui trend del 2023 per Fine Wines & Spirits e le prospettive per l’anno in corso.

A chiudere è l’ottima annata delle enoteche, con un 2023 che si è dimostrato particolarmente positivo per le vendite nel canale. Con Andrea Terraneo, presidente Vinarius, parliamo delle prospettive di un 2024 che si annuncia in crescendo per l’Associazione delle Enoteche Italiane.

Parliamo di vini con i nuovi codici della pizza gourmet. Ma non è il solito abbinamento, quello che portiamo in tavola. Sono, infatti, i vini dal mondo a incontrare, fuori da ogni schema, il piatto gioiello della cucina italiana

Assaggi immancabili, che proseguono nella nostra Collection dedicata a cosa berremo nel 2024: dalla Germania del Weissburgunder Oberrotweil Salwey alla Franciacorta del Selva della Tesa Sebino Chardonnay Igt Ca’ del Bosco. E poi, ancora: un classico siciliano con il Contrada Santo Spirito Etna Rosso Doc Pietradolce e una novità dalle colline di Corvino San Quirico con Henry Pinot Nero dell’Oltrepò Pavese Doc 2017 Tenuta Mazzolino. Spazio alle bollicine, con i trend del momento: da un lato, la prima bolla di Mr. Ruché, Luca Ferraris, con l’Alta Langa Docg Metodo Classico Tenuta Santa Chiara, dall’altra, il frutto del Grand Cru di Ambonnay, con il Blanc de Noirs Les Crayères Grand Cru Millésime 2016 Extra Brut Champagne Paul Déthune. Per chiudere è il Vermentino grande protagonista: un nuovo modo di ragionare di vino in Sardegna con Sicut Erat 2022 Isola dei Nuraghi Igt Vermentino La Contralta, un bianco Triple A dalla Provenza, con il Petit Salé Igp Pays des Bouches-du-Rhône Château de Roquefort.

Per proseguire: i casi Verduno Pelaverga e Monferace, due nicchie di un panorama enologico che non smette mai di sorprendere: quello del Piemonte del vino dove piccolo è sempre più bello.

E infine: qualcosa è cambiato a Fumane. Un resoconto dalla viva voce dei protagonisti sul futuro di Allegrini e su quello delle aziende di Lady Amarone, dopo il riassetto proprietario in famiglia.

Non può mancare di certo lo Champagne nel primo numero del 2024: si inizia dalle considerazioni a margine dell’anno, con dati e futuro della bollicina francese più amata. Poi, l’immersione di WineCouture nelle tradizioni con un racconto che spazia dall’alfa del Grand Cru di Ambonnay all’omega dell’unicità di Les Riceys, con l’uomo sempre al centro. A chiudere: La Grande Dame Rosé 2015 Veuve Clicquot e il suo debutto al ristorante Orma di Roma in abbinamento alle creazioni di chef Roy Caceres.

E per essere aggiornati sull’universo Spirits, da non perdere il nostro approfondimento di un mondo che cambia: un’indagine sull’evoluzione di un settore e le novità che coloreranno il 2024.

Già in distribuzione postale, in questa pagina potete cominciare ad avere una preview di WineCouture (numero 1/2-2024) con lo sfoglio completo dell’edizione digitale del magazine mensile B2B di Nelson Srl, qui di seguito:

Editoriale

Il vero segreto del valore di un vino

Nel nuovo anno che si è aperto, il quinto di vita per il magazine B2B del nostro progetto editoriale WineCouture, abbiamo scelto di esordire ponendo in primo piano i volti di alcuni tra i massimi protagonisti del mondo Horeca italiano quando si parla di Wine & Spirits. Uomini e donne abituati a metterci quotidianamente la faccia, con le cantine che rappresentano e con il loro pubblico di clienti, e che raccontano di un più ampio universo che ha saputo tenere dritta la barra in mezzo al mare mosso di questo quinquennio. Ma se il passato, con i suoi alti e bassi, è passato, ora gli occhi sono già tutti rivolti a un 2024 che si annuncia come l’anno della svolta, quello in cui l’Intelligenza Artificiale entrerà a far parte definitivamente delle vite di ciascuno di noi. Ma quel che risulta curioso è come, in definitiva, sia sempre il fattore umano a fare capolino in maniera prepotente, a ribadire la sua centralità. Già, perché il mondo del vino è costante rimando a quell’uomo senza cui nulla accadrebbe. Come ha ricordato il presidente di Assoenologi, Riccardo Cotarella, in una recente intervista rilasciata a Report a seguito delle polemiche (gratuite) nate attorno un servizio andato in onda nella trasmissione di Rai 3: “Il vino è frutto dell’uva e opera dell’uomo”. E lo è dal momento in cui è scelto dove far nascere una vigna fino al racconto che distributore, ristoratore o enotecario faranno per fare conoscere l’etichetta che ne è figlia. Dunque, non dimentichiamo mai la grande umanità dietro ogni bottiglia, il vero segreto del valore del vino.

WineCouture, anno cinque, numero 1/2: l’anno che verrà, parola ai distributori nel dossier Horeca dedicato a trend e novità del fuori casa.
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER