• Spirits

No. 3 London Dry Gin, quando l’arte incontra la mixology

BANNER

No. 3 London Dry Gin è in mostra dal 15 al 28 aprile all’Università degli Studi di Milano, con un’incredibile installazione curata dalla designer Alessandra Baldereschi, per una sorta di esplorazione degli elementi chiave del distillato premium.

La mostra in occasione del FuoriSalone

Sapori intensi che accendono un’orchestra di profumi, creando un’esperienza sensoriale immersiva in una spirale ispirata al mito del genio della lampada: è questo il concept che sta dietro all’installazione “Unlocking No. 3 flavours” di No. 3 London Dry Gin, distillato vincitore di diversi riconoscimenti. Questa creativa commistione tra mixology e arte prende forma in questa installazione ideata dalla designer Alessandra Baldereschi in occasione del FuoriSalone: in mostra dal 15 al 28 aprile all’Università Statale di Milano, l’opera si inserisce nell’ambito della mostra evento “INTERNI Cross Vision” di INTERNI, che evidenzia il know-how italiano in un confronto con le culture di altri paesi, approfondendo ricerca, innovazione e sperimentazione.

No. 3 Gin si inserisce creativamente in questo spazio, proponendo la sua interpretazione con un lampadario spiraliforme che ridisegna il quotidiano con una cifra stilistica quasi fiabesca: con questa installazione, realizzata dall’azienda Sturm di Milano, la designer dà vita alle note di gusto e al profilo dei sapori di No.3 Gin, rappresentando gli ingredienti e l’aroma in una spirale che si sprigiona dall’elegante bottiglia dal caratteristico colore turchese. Questa proposta artistica, già dal nome “Unlocking No. 3 flavours”, mette in luce gli elementi cardine di No. 3 Gin: le ricche e variegate botaniche, tra cui ginepro, agrumi e spezie, che con un perfetto equilibrio creano il gin più rinfrescante e che danno vita a livello visivo al design a spirale che sale verso l’alto; e il nome n.3 e l’iconica chiave sulla bottiglia che riflettono con orgoglio il luogo in cui è nato il gin presso Berry Bros & Rudd, il più antico mercante di vini e liquori di Londra, con sede al n.3 di St James’s Street dal 1698.

No. 3 London Dry Gin: punto di incontro tra arte e qualità

No.3 Gin nasce al civico 3 di St. James Street a Londra, dove ha sede l’azienda Berry Bros. & Rudd, il più antico mercante di vini e liquori della Gran Bretagna che dal 1698 ad oggi è ancora responsabile della cantina personale della famiglia reale.  Per dare vita a questo gin, ci sono voluti ben 2 anni e un processo di lavorazione che ha visto all’opera i migliori tra barman e mastri distillatori, tra cui il Dott. David Clutton, l’unico al mondo ad avere un dottorato di ricerca in Gin. Le botaniche di cui è composto vengono messe in infusione per più di 16 ore per ottenere un sapore delicato e autentico. L’aroma è intenso, frizzante e fresco, con un sentore crescente di ginepro. Nel gusto spicca sempre il ginepro, accompagnato da note floreali assieme alla piccantezza e al colore del cardamomo. Emerge poi la forte vivacità degli agrumi, controbilanciata dalla piccantezza pungente del coriandolo, con un retrogusto di Radice di Angelica.  No.3 Gin si presenta con un look sofisticato, dal colore verde smeraldo, sinonimo di freschezza, e con una forma esagonale: un richiamo alle sei botaniche che lo compongono. L’onorificenza della Royal Warrant sul collo della bottiglia (riconoscimento che arriva dalla famiglia reale britannica a un Ente o attività commerciale di valore) è sinonimo di autorevolezza e prestigio. Sull’etichetta, invece, sono riportati i dettagli che ne raccontano le origini e la qualità. La chiave, simbolo distintivo del prodotto, è al centro della bottiglia e rappresenta la chiave antica con la quale un tempo si apriva la porta che custodiva le bottiglie più pregiate del negozio londinese di Berry Bros. & Rudd.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER