• Trade

Health Warning in etichetta: dopo l’Irlanda arriva il caso del Belgio

BANNER

Nel gennaio di quest’anno, il Belgio ha notificato alla Commissione europea nel quadro della procedura Tris un decreto che, da un lato, introduce importanti forme di tutela nei riguardi dei minori, dall’altro, autorizza il Ministero della Salute del Paese a sviluppare un’avvertenza sanitaria che dovrà comparire in tutte le forme di pubblicità delle bevande alcoliche. Il mondo dei vini e degli Spirits made in Italy esprime oggi la propria apprensione per la proposta belga, che include l’arrivo di Health Warning sulle etichette. Il timore è il ripetersi di un nuovo caso Irlanda, come evidenzia Federvini in una nota di commento che richiama Governo e Commissione europea a intervenire.

L’appello di Federvini a Ue e Governo con la proposta del Belgio di inserire Health Warning in etichetta

“L’impegno del settore per tutelare i minori non è in discussione”, esordisce la presidente di Federvini, Micaela Pallini, nella sua denuncia del nuovo decreto del Belgio in tema di avvertenze sanitarie su vini e Spirits. “Restiamo convinti che vadano fatti sforzi per contrastare ogni forma di promozione delle bevande alcoliche verso i minori, così come è massimo l’impegno per combattere l’abuso di alcol, come dimostrano l’iniziativa No Binge, promossa da Federvini in collaborazione con diverse università italiane e in sede europea iniziative quali Wine in Moderation. Tuttavia, non possiamo non denunciare i rischi di un provvedimento come quello belga e per questo auspichiamo che l’Italia intervenga con decisione e puntualità nella sede prevista, attraverso un parere circostanziato entro la scadenza prevista del 22 aprile”.

L’appello di Federvini a Ue e Governo con la proposta del Belgio di inserire Health Warning in etichetta dopo il caso Irlanda.

Da un lato, infatti, l’ampia definizione che viene data di “pubblicità” rende il campo di applicazione della norma belga pressoché sconfinato, con il rischio che anche un’etichetta o elementi tipici della presentazione di una bevanda alcolica possano rientrare nella definizione di pubblicità e, quindi, obbligati a riportare il messaggio sulle avvertenze sanitarie. 

Dall’altro, l’avvertenza sanitaria, il cui contenuto e forma saranno decisi dal Ministero della Salute belga, lasciano i produttori italiani di vini, aperitivi, amari, liquori e distillati made in Italy nell’ambiguità più totale non avendo alcun elemento per poter valutare nel complesso il provvedimento, con l’aggravante di non poter ricorrere a nessun altro messaggio equivalente.

Dopo il caso degli Health Warning introdotti dall’Irlanda, largamente contestati in Europa e non solo, e alla luce di questa nuova iniziativa belga, Federvini sottolinea l’importanza che non vengano prese singole iniziative nazionali non allineate a livello europeo in quanto tali azioni unilaterali potrebbero compromettere l’armonizzazione normativa e l’efficacia complessiva delle misure comunitarie.

“Se la pubblicità delle bevande alcoliche in tutta l’Ue è materia già regolamentata – chiosa Micaela Pallini – in Italia con il codice di autodisciplina della comunicazione commerciale dell’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria, prima, e con le linee guida promosse dalla Federazione stessa, poi, abbiamo voluto scrivere nero su bianco che è vietata verso i minori qualsiasi forma di pubblicità diretta e indiretta. Ma non è questo il punto – prosegue la presidente di Federvini – perché il vero rischio che si cela dietro al provvedimento belga è di ritrovarci fra qualche anno un messaggio sanitario sulla falsariga di quello irlandese”.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER