• Eventi

Vinitaly 2024: gli appuntamenti con Doc e Docg dell’Oltrepò Pavese

BANNER

Lombardia del vino protagonista come da tradizione a Vinitaly 2024 e Oltrepò Pavese, con le sue Doc e la Docg, in prima fila per testimoniare l’eccellenza regionale nel calice. Sarà ancora una grande occasione di promozione per le Denominazioni l’appuntamento a Veronafiere, in programma dal 14 al 17 aprile prossimi. Come sempre il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese sarà “la casa delle Denominazioni d’Oltrepò Pavese” e ospiterà addetti ai lavori, giornalisti, appassionati di vino, raccontando le Doc e la Docg tutelate in questa importante area vitivinicola della Lombardia. Lo stand BC11si trova sempre presso il Palaexpo Lombardia di Vinitaly, al secondo piano, dove sono presenti le aziende dell’Oltrepò Pavese, nella grande collettiva gestita e coordinato dalla Camera di Commercio di Pavia attraverso Paviasviluppo. Presso lo spazio del Consorzio sarà ospitato anche un banco d’assaggio del Club del Buttafuoco Storico. La presenza del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese a Verona e il relativo programma si realizzano grazie alla collaborazione con Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia.

“Verona è sempre un appuntamento fondamentale per il mondo del vino e anche dei consumatori”, spiega il direttore del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, Carlo Veronese. “Un luogo dove da decenni si scrivono le pagine della storia del vino, si sviluppano strategie, si respira l’energia dell’economia del vino non solo quella nazionale. Per quanto ci riguarda siamo reduci da un inizio stagione promozionale molto interessante, che ha previsto oltre alla tappa dei Tre Bicchieri di New York con il Gambero Rosso, le tappe di Prowein con Ascovilo e Grana Padano e, più di recente, il tour americano con Slow Wine di Slow Food”. 

“In ogni occasione internazionale abbiamo potuto riscontrare un grande interesse sempre crescente per le nostre Denominazioni, con particolare riferimento per la tipologia Oltrepò Pavese Metodo Classico Docg, che esalta il vitigno principe della Denominazione, il Pinot Nero, apprezzato sempre di più anche in versione rossa con la sua Doc”. 

L’agenda del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese a Vinitaly 2024: tutti gli appuntamenti Doc e Docg a Veronafiere nello stand al Palaexpo.

L’agenda del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese a Vinitaly 2024: tutti gli appuntamenti Doc e Docg 

Mentre lo stand “Casa Oltrepò”, coordinato dalla sommelier Gaia Servidio, aprirà ogni giorno come di consueto alle degustazioni di vini delle sei Doc e della Docg presenti in un grande banco d’assaggio, fra gli eventi collaterali, si segnala martedì 16 aprile alle ore 9:30 (sala polivalente di Unioncamere/Regione Lombardia, Palaexpo, Stand D14), una curiosa “Masterclass – Book” con la presentazione abbinata a cinque calici che interpretano il Pinot Nero sia nella versione spumante, Oltrepò Pavese Metodo Classico Docg, sia nella versione in rosso, Pinot Nero dell’Oltrepò Pavese Doc.

In programma, la presentazione del volume che approfondisce questo importante vitigno, pubblicazione dedicata all’Oltrepò Pavese con De Agostini Publishing – Vini e Terre d’Italia. La collana presenta un focus sui vini e gli itinerari enologici di zona e diventa così una “masterclass-book” di degustazione che vedrà l’intervento di una delle autrici, Carla Pacelli, con la conduzione di Carlo Veronese in un viaggio nella Terra del Pinot Nero. 

L’agenda del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese a Vinitaly 2024: tutti gli appuntamenti Doc e Docg a Veronafiere nello stand al Palaexpo.
La delegazione Ascovilo alla presentazione del padiglione Lombardia a Vinitaly 2024, terza da sinistra: Francesca Seralvo

“Ci aspettiamo un grande Vinitaly 2024 per le realtà vitivinicole dell’Oltrepò, in termini di partecipazione, ma soprattutto di entusiasmo, serietà e identità”, ha dichiarato Francesca Seralvo, alla sua prima uscita ufficiale come presidente del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, ieri in Regione Lombardia in occasione della presentazione della “Lombardia a Vinitaly 2024”.

“Il contesto fieristico – ha proseguito – è il palcoscenico ideale per sostenere e valorizzare la vocazionalità del nostro territorio in termini di produzione vinicola. Il Consorzio affronta questa 56esima edizione di Vinitaly 2024 unito e con una consapevolezza crescente delle proprie qualità e potenzialità. Il Salone veronese è il luogo per rafforzare questi valori e dialogare con un pubblico interessato dal respiro sempre più internazionale”.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER