• Story

Porte aperte a Casa Valdo: nel 2024 debutto anche per la joint venture Italian Legacy Wines

BANNER

Una marginalità e la presenza sui mercati del mondo in crescita. Nuovi progetti nel solco della filosofia di costruire valore, che testimoniano i benefici, a iniziare dagli Usa per arrivare a un fatturato 2023 attestatosi attorno i 77 milioni di euro nel 2023, dell’intesa siglata dalla famiglia Bolla con C. Mondavi & Family che ora si arricchirà della joint venture Italian Legacy Wines. Ma soprattutto il taglio del nastro e l’apertura delle porte di Casa Valdo. È un carico di novità, quello che porta a Vinitaly una tra le aziende simbolo di Valdobbiadene, che sul lato delle new entry a catalogo, lancia in fiera al Verona l’ultimo spumante creato dalla cantina: Aquarius Blanc de Blancs, progetto innovativo non soltanto a livello enologico ma anche artistico, Cuvée di Glera e Garganega.

L’opening di Casa Valdo

Si apre in un clima di grande euforia la 56esima edizione del Vinitaly per Valdo Spumanti. La kermesse veronese si svolge in concomitanza dell’opening di Casa Valdo, la country house voluta dalla famiglia Bolla, nuovo progetto di enoturismo nel cuore delle colline del Prosecco Superiore, Patrimonio dell’Umanità Unesco, a Valdobbiadene.

Un luogo magico per vacanze, diverse in ogni stagione, occasione per scoprire un territorio meraviglioso con una vocazione enologica unica, ricco di arte e cultura, e conoscere l’ospitalità Valdo.

Dopo tre anni di accurato restauro, l’antico podere dell’Ottocento è oggi un elegante Relais con sei camere affacciate sui vigneti, arredate con gusto raffinato e con tutti i confort per rendere ogni soggiorno un’esperienza rilassante e rigenerante, per il corpo e lo spirito.

Casa Valdo è situata al centro di una proprietà di circa 1,5 ettari dove l’azienda produce la sua etichetta “Vigna Pradase” che può fregiarsi della menzione “Vigna” grazie alla sua intrinseca specificità enologica. Un Prosecco Superiore Valdobbiadene Docg Metodo Classico, con rifermentazione in bottiglia e almeno 24 mesi sui lieviti, che preserva e tramanda un racconto che sfida il tempo, vendemmia dopo vendemmia.

“Finalmente possiamo considerare completato il nostro progetto di enoturismo con l’apertura al pubblico di appassionati, italiani e stranieri, interessati a vivere esperienze e vacanze nei luoghi più tipici del nostro territorio”, afferma con entusiasmo Pierluigi Bolla.

“Casa Valdo propone una formula di ospitalità calda e autentica, come se fosse una residenza privata della nostra famiglia”.

Fatturato in crescita e porte aperte a Casa Valdo: nel 2024 debutto anche per la joint venture Italian Legacy Wines tra Bolla con Mondavi.
Pierluigi Bolla

“In questo vigneto si era già concretizzata l’idea di creare un sito di riferimento dedicato alla Glera e alla cultura enologica della nostra terra, di cui Valdo è custode dall’anno della sua fondazione nel 1926”, prosegue il presidente di Valdo Spumanti. “Mi riferisco alla Biblioteca del Prosecco, una raccolta di vitigni autoctoni espressione della tradizione viticola di Valdobbiadene. Nello stesso vigneto che circonda la nostra country house vengono coltivati i cloni di uva Glera oltre a quelli più antichi e ormai rari di Verdiso, Bianchetta e Perera. Una serie di filari che raccontano la storia dell’uva con cui si produce il Prosecco Superiore e anche della nostra azienda, fondata a pochi chilometri, nel 1926. È un altro capitolo della nostra storia quasi centenaria che continuiamo da tre generazioni e del desiderio di creare valore attraverso specifici progetti e investimenti a supporto del racconto del nostro Prosecco e dei nostri spumanti, a favore dell’immagine del nostro brand e, in generale, del vino italiano a livello internazionale; così come abbiamo definito anche nella partnership con Mondavi”.

Secondo step dell’intesa con C. Mondavi & Family: arriva la joint venture Italian Legacy Wines

Non soltanto la buona notizia dell’opening di Casa Valdo. Questo inizio d’anno si è infatti aperto per la realtà di Valdobbiadene con una rinnovata euforia sul fronte estero. La distribuzione di Valdo è in crescita a livello globale e soprattutto nei mercati d’oltreoceano, dopo l’accordo siglato a gennaio 2023 con C. Mondavi & Family (CMF) – una delle più importanti realtà vinicole al mondo, tra le prime in Napa Valley – che da ormai un anno ha assunto la distribuzione dei prodotti Valdo negli Usa.

I riscontri sono più che positivi, con l’intesa che ha già condotto al raggiungimento degli obiettivi mirati per riposizionare il brand, incrementare l’export sul mercato statunitense e migliorare la qualità distributiva nei canali Horeca e Gdo.

La crescita è confermata anche dai dati di chiusura di bilancio 2023 che presentano un incremento pari al 2% e un fatturato di circa 77 milioni di euro, in un anno in cui si è continuato a privilegiare la marginalità piuttosto che i volumi.

Fatturato in crescita e porte aperte a Casa Valdo: nel 2024 debutto anche per la joint venture Italian Legacy Wines tra Bolla con Mondavi.

Il piano strategico triennale concordato con C. Mondavi & Family continua nella visione condivisa per il futuro delle due aziende. Dal secondo semestre 2024 si passa al secondo step, con la costituzione di un’altra joint venture paritetica (Italian Legacy Wines – ILW) che importerà e distribuirà negli Usa una selezione di etichette, denominata “Best of Italy”, della migliore produzione vinicola italiana.

Questa seconda fase è denominata “Next Generation”, per richiamare la volontà di proseguire, attraverso le nuove generazioni delle due famiglie, l’amicizia e il legame tra Peter Mondavi e Pierluigi Bolla che porterà poi alla produzione di vini e spumanti in California.

Aquarius Blanc de Blancs: la novità Valdo Spumanti a Vinitaly

Sul fronte delle new entry, a Vinitaly quest’anno grande protagonista sarà l’ultimo spumante creato dalla cantina di Valdobbiadene: Aquarius Blanc de Blancs.

Un progetto innovativo non soltanto a livello enologico ma anche artistico, la Cuvée di Glera e Garganega è infatti racchiusa in una bottiglia decorata direttamente su vetro con una tecnica innovativa che regala al tatto un effetto tridimensionale.

Il disegno nasce come acquerello ed è stato realizzato a mano da Ceci Johnson nel suo studio di New York e s’ispira al mondo degli abissi marini dove figure mitologiche convivono insieme a coralli e pesci. Questo spumante invita a esplorare un universo di gusto e raffinatezza, dove l’arte e la natura si fondono in un’unica esperienza straordinaria.

Fatturato in crescita e porte aperte a Casa Valdo: nel 2024 debutto anche per la joint venture Italian Legacy Wines tra Bolla con Mondavi.
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER