• Eventi

Vinitaly 2024: la Regione Marche fa sfilare 107 cantine, 20 Dop e 1 Igp

BANNER

Le Marche, a Vinitaly 2024, ( 56ª edizione, in programma a Verona dal 14 al 17 aprile) sarà protagonista con 107 cantine, 49 delle quali presenti nella collettiva organizzata dalla Regione (38 IMT-Istituto Marchigiano di Tutela Vini e 11 Consorzio Vini Piceni). In particolare, saranno più di 200 le etichette in degustazione libera nella tradizionale Terrazza Marche, all’interno di un’area espositiva di oltre 1.000 metri quadrati e con un nuovo layout, sempre nel padiglione 7. Con 20 Dop e 1 Igp, la Cantina Marche rappresenta uno dei principali hub sostenibili in Italia, con una superficie a biologico di quasi 7.700 ettari (dati Sinab), che incide a livello regionale per il 42,7% della Sau coltivata a vigneto (seconda regione in Italia) e con la provincia di Ascoli Piceno e Fermo che – con 3.849 ettari “organic” su 8.305 complessivi – supera il 46,3% in termini di incidenza dei vigneti biologici.

Vinitaly 2024: gli appuntamenti con i vini delle Marche

Durante Vinitaly 2024 la Regione Marche e ancor più le cantine organizzeranno anche incontri, convegni, degustazioni guidate e approfondimenti, tra cui un focus sulla tradizione enologica regionale.

Il cui comparti enoico conta circa 11.000 aziende che coltivano complessivamente circa 18.000 ettari di vigneto per una produzione media annuale nell’ultimo quadriennio di oltre 880.000 ettolitri di vino, con il 2023 caratterizzato da una marcata flessione produttiva, a causa dei cambiamenti climatici e della peronospora, tanto che la produzione vinicola ha superato di poco i 518.000 ettolitri. Il settore punta a rafforzarsi, grazie anche agli aiuti della Regione, che fra il 2020-21 e il 2023-24 ha stanziato complessivamente 22,74 milioni di euro fra ristrutturazione e riconversione vigneti, investimenti in cantina e nei punti vendita, promozione dei vini sui mercati dei paesi terzi. Dopo un 2022 che ha segnato una forte crescita delle esportazioni in valore (+24,9% sull’anno precedente), il 2023 per il vino marchigiano ha registrato una flessione dell’11,5%, portando i valori al di sotto dei 66,4 milioni di euro. Stati Uniti, Germania, Svezia e Svizzera costituiscono i primi quattro mercati di destinazione.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER