• Collection

Sfumature contemporanee di Rosé: si alza il sipario su Rosa dei Masi 2023

BANNER

Sboccia la primavera e sulle vocate colline della Valpolicella Classica fiorisce una nuova sfumatura di Rosé. Una novità che regala una tonalità inedita a una cantina tra le più storiche del panorama veronese, all’interno di un’ampia gamma capace di unire alla grande tradizione dell’Amarone interpretazioni figlie di una visione del vino contemporanea e che va incontro ai nuovi gusti del consumatore internazionale. Si alza il sipario su Rosa dei Masi 2023.

Un Rosé contemporaneo per un simbolo dell’Amarone e della Valpolicella Classica

È un’etichetta, quella che fa il suo esordio oggi, che non è solo perfetto complemento, ma soprattutto testimonia dell’incessante opera di ricerca portata avanti dalla famiglia Boscaini da sempre. Il nuovo Rosa dei Masi 2023 è una novità in questo inizio anno frutto dello studio del Gruppo Tecnico Masi, team di esperti in diverse discipline, dall’enologia al marketing, costantemente impegnato nella sperimentazione. Un’attività di ricerca che oggi è arrivata a toccare una delle categorie in più rapida evoluzione, quella dei Rosé, segmento in forte crescita a livello globale per vendite e per consumi. 

“È parte dei doveri di una realtà come la nostra fare innovazione e sviluppare nuovi prodotti, anche attenuando concetti solitamente fondativi per i vignaioli come il territorio per focalizzarsi sulla qualità, sull’esperienza sensoriale e sullo stile di vita che il vino rappresenta”, spiega Raffaele Boscaini, direttore marketing di Masi, introducendo il nuovo Rosa dei Masi 2023. 

Già, perché attraverso questa sfumatura di Rosé l’orizzonte si amplia ben oltre le colline di Gargagnago di Valpolicella. Con il nuovo Rosa dei Masi 2023 la mente viene condotta a prati primaverili e spiagge estive, con i suoi intensi aromi floreali e i piacevoli sentori di frutti rossi. Un inno alla convivialità: quello di un calice condiviso. Un rosato dal colore leggero, nato per regalare agli amanti dei Rosé un’esperienza rilassata nel segno della piacevolezza. 

Sfumature contemporanee di Rosé per un simbolo dell’Amarone e della Valpolicella Classica: si alza il sipario su Rosa dei Masi 2023.

Ed è proprio in direzione di una ricercata accessibilità che Rosa dei Masi 2023 punta, grazie a una combinazione vincente che lo porta ad essere un vero e proprio passe-partout sulla tavola della bella stagione grazie a una versatilità senza pari. 

Merito anche delle scelte tra i filari e di quelle in cantina prima che arrivi in bottiglia: 100% Merlot proveniente dall’alta Valpolicella, nello specifico quel vigneto Saline situato nella parte nord-orientale del comune di Negrar fra i 700 e 720 m s.l.m. dove le elevate escursioni termiche producono profumi incomparabili ed acidità sostenute, il successivo lavoro, dalla pressatura molto soffice delle uve ancora fredde in presenza di ulteriore aggiunta in pressa di ghiaccio secco all’affinamento in acciaio, è rivolto a preservare aromi ed equilibrio per produrre un rosato unico. 

È una singolarità vera e propria quella che definisce Rosa dei Masi 2023, che mira a ergersi a status symbol nel segmento dei rosati italiani d’autore anche per via di un abito che fa risaltare all’occhio, grazie alla bottiglia trasparente, in primis il suo colore rosa pallido con riflessi salmone e “buccia di cipolla” ma che è ulteriormente arricchito dal caratteristico ovale delle etichette storiche di Masi che si fa ancor più ricercato con l’aggiunta di una profusione di petali di rosa disegnati a china con tratto leggero, a completare il messaggio di leggerezza e delicatezza. 

Sfumature contemporanee di Rosé per un simbolo dell’Amarone e della Valpolicella Classica: si alza il sipario su Rosa dei Masi 2023.

Rosa dei Masi 2023: l’assaggio e con che cosa abbinarlo

Fresco e piacevole al palato, dove si distinguono sentori di frutti rossi, con spiccate note di lampone e una piacevole acidità, il nuovo Rosa dei Masi 2023 è scelta tutto l’anno con cui non si sbaglia mai per un calice di qualità in aperitivo, ma è anche vino che si esalta, appena il sole torna a mostrarsi alto in cielo nella bella stagione, degustato a bordo piscina o in riva al mare, magari abbinato a crostacei, ostriche e frutti di mare. 

Un Rosé pronto costantemente a sedurre, con il suo profilo gourmet che, in un rendez-vous di livello all’insegna della cucina internazionale, non disdegna di condividere la tavola con del pregiato Sushi, mentre per quanti ricercano un accostamento più “autoctono”, il matrimonio perfetto diventa quello celebrato con una pasta alle vongole veraci. 

E per chi, infine, desidera osare con qualcosa che sfidi i canoni, Rosa dei Masi 2023 si rivela una scelta sorprendente come base per cocktail alla frutta: in un mondo che cambia, d’altronde, una visione contemporanea del vino è anche quella capace di ampliare gli orizzonti dei consumi.  

Sfumature contemporanee di Rosé per un simbolo dell’Amarone e della Valpolicella Classica: si alza il sipario su Rosa dei Masi 2023.
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER