• Collection

Branchini 1858: la potenzialità dell’Albana si svela in un Metodo Classico 72 mesi

BANNER

Una nuova bollicina da uno dei simboli del vino in Romagna. Branchini è stato il primo viticoltore che abbia osato superare le trincee del passato per proiettare il corso della regina delle uve dell’area romagnola, l’Albana, nel XXI secolo. Lo ha fatto in primis con l’innovativa idea di spumantizzare il vitigno con il Metodo Classico, un progetto che continua a essere portato avanti con convinzione e passione e che oggi si sublima con quello che è stato il lancio, a Vinitaly 2024, del Metodo Classico 1858 Serie Limitata Dosaggio Zero: 72 mesi sui lieviti e volutamente non dosato per preservare tutta l’essenza dell’Albana.

L’essenza dell’Albana in 400 bottiglie per la prima release del Metodo Classico 1858 Serie Limitata Dosaggio Zero

Una release di 400 bottiglie per dimostrare tutta la potenzialità dell’Albana, affinata sui lieviti per almeno 72 mesi. Frutto della vendemmia 2016 e sboccato a ottobre 2023, questa nuova etichetta è proposta con un prezzo al pubblico in enoteca a partire da 25 euro. Le prossime due release raddoppieranno la tiratura fino a 1.000 bottiglie e negli anni a seguire aumenteranno. L’obiettivo è quello di dimostrare tutte le potenzialità di invecchiamento dell’Albana spumantizzata.

L’essenza dell’Albana in 400 bottiglie per la prima release Branchini 1858 del Metodo Classico 1858 Serie Limitata Dosaggio Zero.

Il risultato è un vino di grande freschezza, complessità ed eleganza, che si esprime fin dal perlage, finissimo, e dal naso che intriga con profumi di frutta secca e candita, pasticceria e lievito, con sferzate iodate e mediterranee, che portano il pensiero a un “campo fiorito di primavera e a un agrumeto fronte mare”.

Nel sorso si ritrovano gli agrumi, l’albicocca e le erbe aromatiche, in un emozionante insieme cremoso e minerale raffinato e persistente.

Un sorso che fotografa in modo nitido la vocazione di Branchini 1858 per la spumantizzazione con Metodo Classico dell’Albana, un’interpretazione che ha le radici ben piantate nelle tradizioni e un pensiero avanguardistico ideale per riuscire a portare questo antico vitigno nel Domani.

L’essenza dell’Albana in 400 bottiglie per la prima release Branchini 1858 del Metodo Classico 1858 Serie Limitata Dosaggio Zero.

A proposito di Branchini 1858

Ha 166 anni la storia di Branchini 1858, che porta nel nome l’anno della prima vendemmia che è anche l’inizio di un’attività tramandata di generazione in generazione con grande passione. Siamo nella campagna di Dozza (BO), a Toscanella, proprio sulla linea di confine tra l’Emilia e la Romagna, e oggi questa storica cantina può contare su un’estensione di 100 ettari interamente coltivati a vigneto e a seminativo: per la precisione, gli ettari vitati sono 26 (5 ettari di Albana, 4 ettari di Sangiovese, 5 ettari di Pignoletto e il restante dedicato a Trebbiano, Chardonnay, Sauvignon, Merlot e Cabernet Sauvignon), i restanti sono coltivati a grano ed erba medica.

L’azienda ha sempre preservato gelosamente la sua storia a conduzione famigliare, oggi la guida è nelle mani dei fratelli Marco e Angelo Branchini (quarta generazione), affinando nel tempo le tecniche produttive e ponendo al centro dei propri obiettivi la valorizzazione della tipicità del territorio attraverso il carattere dei propri vini.

Questa filosofia ha portato Branchini 1958 verso la sperimentazione in vigneto: nuovi sesti d’impianto, nuove varietà, raccolte selezionate e ricerca sui vitigni caratteristici della zona. L’attenzione allo sviluppo naturale della vigna è una priorità, tanto che le operazioni agronomiche, finalizzate a evitare forzature nei processi biologici, sono tese al mantenimento dell’equilibrio fisiologico della vite. L’ingrediente fondamentale di questa storica realtà è il terroir, autore e sigillo della tipicità dei vini firmati da Branchini 1858, ricco di storia e tradizioni e che deve le proprie caratteristiche ai tre fiumi che lambiscono la tenuta: il Rio Sabbioso, il fiume Sillaro e il torrente Sellustra, che nei secoli hanno determinato la conformazione geologica della zona. L’alchimia di sabbia, argilla e limo unita al microclima di questo luogo, conferisce ai vini firmati Branchini 1858 una personalità e un carattere unici.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER