• Eventi

Garda Wine Stories: dal 5 all’8 giugno i vini Doc del lago si mettono in mostra

BANNER

Scolpire nell’immaginario collettivo l’identità dei vini della Denominazione, dai varietali alle bollicine: è questo l’intento del Consorzio Garda Doc, che in occasione di dell’edizione 2024 di Vinitaly ha presentato Garda Wine Stories, attività in programma dal 5 all’8 giugno prossimi dedicata alla stampa americana, inglese, svizzera, tedesca, austriaca e italiana. Una tre giorni, tra walk around tasting, aperitivo vista lago e boat experience, che condurrà in un viaggio alla scoperta dei vini della Doc del lago di Garda, ma anche delle esperienze ad essi interconnesse.

Garda Wine Stories: appuntamento a giugno con i vini Doc del lago, dai varietali alle bollicine

È in agenda per giugno Garda Wine Stories, appuntamento rivolto ai giornalisti italiani ed esteri. Nel programma il Convegno “Garda Doc, la forza di un sistema d’area integrato e innovativo” e un Walk around tasting con i produttori Garda Doc a Villa San Vigilio, ma anche l’aperitivo vista Lago e una Garda Doc Boat Experience.

“Garda Wine Stories rappresenta senz’altro un osservatorio privilegiato per conoscere meglio il territorio del Garda, sempre più apprezzato per la sua luce, per il suo clima, per le molteplici opportunità di enoturismo ed esperienze di scoperta del territorio”, evidenzia il presidente del Consorzio Garda Doc, Paolo Fiorini.

Garda Wine Stories: dal 5 all’8 giugno i vini Doc del lago si mettono in mostra dai varietali alle bollicine.

“Ogni anno 24 milioni di persone transitano sul territorio del grande lago – aggiunge Carlo Alberto Panont, direttore del Consorzio Garda Doc – e, fra questi, più di 13 milioni vi soggiorna. Sono numeri importanti e, come Consorzio d’area, crediamo molto nella capacità che ha la nostra Denominazione di creare un forte connubio di eccellenza economica per un lifestyle Garda tra turismo e vino”.

Garda Wine Stories: dal 5 all’8 giugno i vini Doc del lago si mettono in mostra dai varietali alle bollicine.

Nel corso della conferenza di lancio della manifestazione a Vinitaly, Eugenio Pomarici di Cirve (Centro Intedipartimentale per la Ricerca in Viticoltura ed Enologia) dell’Università di Padova ha dato qualche anticipazione sullo studio “Situazione competitiva, opportunità e minacce e proposta di elementi strategici per l’evoluzione dell’offerta Garda Doc”, che verrà presentato in occasione del convegno del 6 giugno, finalizzato a delineare un quadro conoscitivo completo del sistema produttivo della Denominazione di Origine Controllata Garda.

“Nel 2023 – sottolinea Eugenio Pomarici – circa 2.124 ettari sono stati rivendicati per la produzione di Garda Doc. Sebbene tale valore sia ancora piuttosto contenuto, si registra una tendenza in crescita, con un numero di ettari che è triplicato rispetto al 2016. Nel 2023 la varietà prodotta in maggiori quantità è stata la Garganega, seguita da Pinot Grigio e Chardonnay; insieme hanno rappresentato quasi l’80% delle uve atte a Garda Doc”.

Questa tendenza è dunque in linea con le esigenze dei consumatori moderni, i cui consumi si sono spostati verso vini bianchi caratterizzati da maggiore freschezza e leggerezza.

Lo studio, che verrà presentato nella sua interezza nel corso di Garda Wine Stories, ha l’obiettivo di documentare l’organizzazione della produzione e le relazioni con il mercato, nonché restituire un’analisi approfondita della posizione competitiva del sistema produttivo Garda Doc.

Garda Wine Stories: dal 5 all’8 giugno i vini Doc del lago si mettono in mostra dai varietali alle bollicine.
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER