• Spirits

Bon Wei presenta la sua speciale selezione di 5 Whisky Single Cask “Zhang Le Selection”

BANNER

Nel 2016, Zhang Le, proprietario del rinomato ristorante di cucina regionale cinese Bon Wei, nonché appassionato collezionista e degustatore di whisky, oltre ad essere sommelier Fisar, si recò nello Yorkshire per selezionare la sua prima botte di un pregiato distillato. Questa selezione avrebbe dato vita al Filey Bay – Yorkshire Single Malt Whisky – Single cask “Bon Wei Selection”, presentato in occasione del dodicesimo anniversario del suo locale nel novembre 2022. Dopo 5 anni di invecchiamento in una botte di Sherry Pedro Ximénez (cask #294), la quale era stata imbottigliata nel marzo 2017, nel mese di aprile 2022 sono state estratte 305 bottiglie.

Questo whisky raro è stato proposto come chiusura del pasto, seguendo una pratica sempre più diffusa nella Cina contemporanea, su un vassoio di legno, servito in un tumbler dedicato, insieme ad acqua, ghiaccio e un cioccolatino fondente. Si tratta di un distillato ricco e leggermente fruttato, con note di cioccolato fondente, caramelle e frutta secca.

La distilleria Filey Bay, situata nello Yorkshire settentrionale dell’Inghilterra, è la prima nella regione a dedicarsi esclusivamente alla produzione di single malt whisky, seguendo la filosofia del campo alla bottiglia, secondo una tradizione ben radicata. Ogni bottiglia di Filey Bay Single Malt Whisky è prodotta utilizzando orzo e acqua della famiglia Mellor, senza alcun processo di filtraggio a freddo, mantenendo così intatto il colore naturale e il profumo avvolgente di frutta matura, appassita e cioccolato fondente.

Successivamente, sono state selezionate altre tre botti nello Yorkshire con casking nel 2017 e 2018 presso la distilleria Filey Bay, mentre un’altra è stata scelta presso la distilleria Caol Ila in Scozia. Mentre la prima è stata denominata “Bon Wei Selection” in onore del ristorante di proprietà, le successive hanno preso il nome di “Zhang Le Selection”, rappresentando l’identità del loro selezionatore.

Le bottiglie provenienti dalla botte di Madeira (cask #719) offrono un whisky fruttato e complesso, con note di torta d’arancia, caramello e frutta a nocciolo come albicocca, ciliegia, pesca e mandorla. Da quella di Oloroso Sherry (cask #847) sono state estratte 297 bottiglie, con un gusto ricco e speziato, caratterizzato da note di cioccolato, dolci alla frutta, caramelle e rovere tostato. La botte di Barboun (cask #341) ha prodotto 234 bottiglie di un distillato leggero e fruttato, con note di miele, dolci al limone e caramello.

La distilleria Caol Ila, situata sull’isola di Islay, vicino a Port Askaig nell’angolo nord-est dell’isola, è rinomata per i suoi whisky con fini note affumicate. Il whisky estratto dalla botte di Barboun offre aromi di zucchero di canna seguiti dalla torba al naso, mentre in bocca è ricco e affumicato, con note di erbe officinali, catrame e un accenno di camino spento.

La decisione di investire in un progetto di whisky anziché aprire un secondo locale è stata guidata da due motivazioni, spiega Zhang Le: “Sono sempre stato un appassionato del whisky e mi piace proporlo come chiusura del pasto. Inoltre, in Cina non siamo soliti consumare dessert dolci, e la tendenza a bere whisky dopo cena è sempre più diffusa. Volevo offrire ai miei ospiti qualcosa di unico che riflettesse la mia personalità e l’essenza di Bon Wei. In secondo luogo, la rarità di queste bottiglie mi ha consentito di offrirle anche ad altri locali, sia in Italia che all’estero”.

Fin dalla sua apertura, il ristorante Bon Wei si è distinto per la qualità della sua selezione di vini e per la cura degli abbinamenti con le specialità della cucina. Con l’arrivo di Zhang Le nel 2013, la carta dei vini è stata arricchita con etichette più ricercate, capaci di accompagnare i sapori complessi della cucina asiatica, dal dolce all’aspro al piccante, ragionando sugli abbinamenti per l’intero pasto.

A fine pasto, la tradizione cinese lascia spazio alle grappe, al Baijiu e al whisky. La ricerca di Bon Wei è continua, con una carta dei vini in costante evoluzione e una selezione di vini che privilegia la nicchia, il territorio e il piccolo produttore da scoprire. Attualmente, la carta dei vini comprende circa 300 etichette, con una predominanza del 70% di vini italiani e il restante 30% proveniente da varie parti del mondo, tra cui Francia, Israele, Australia, Sudafrica e Cile, con prezzi che vanno da 25 a 12.000 euro.

Per favorire gli abbinamenti specifici, sono sempre disponibili una selezione di spumanti, champagne, bianchi e rossi al calice.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER