• Trade

Vecchie Terre di Montefili ottiene la certificazione Diversity Ark

BANNER

Vecchie Terre di Montefili ha ottenuto la certificazione Diversity Ark, il risultato di anni di studio, ricerca e collaborazione tra diverse aziende agricole e associazioni di produttori ed è stata motivata dalla volontà di riconoscere e valorizzare un lavoro etico e sostenibile che l’azienda porta avanti da anni. Serena Gusmeri, enologa ed agronoma di Vecchie Terre di Montefili, ha dichiarato: “Diversity Ark è stata la risposta alla volontà di certificare un lavoro intrapreso da anni dove ricerca, competenze tecniche ed etica si sono unite. La conoscenza profonda dei nostri vigneti, del loro stato di salute basato su dati scientifici e controlli costanti, ci ha permesso di migliorare e rafforzare il microcosmo che vive all’interno di essi valorizzando così la biodiversità composta da insetti e piante. La costanza di questo percorso ha dimostrato quanto sia fondamentale, in tempi così sfidanti, il mantenimento di un corretto equilibrio agro-ecologico per la salute delle viti rafforzando la loro capacità di adattamento ai diversi stress ambientali. Questa scelta si inserisce perfettamente nella nostra filosofia aziendale, che da anni si dedica ad una viticultura etica e sostenibile che protegge non solo le vigne ma anche l’areale in cui ci troviamo”.

Vecchie Terre di Montefili, una storia di rispetto ambientale

La cantina Vecchie Terre di Montefili si colloca sulla cima della collina panoramica Monte Fili, di origini antichissime e da cui prende il nome. Si estende per una superficie vitata di 12,5 ettari nel comune di Greve in Chianti (Firenze), al confine delle Uga (Unità Geografica Aggiuntiva) del Chianti Classico di Panzano e Montefioralle e, da oltre 20 anni, fa parte del primo distretto biologico (Panzano).

In questo luogo dove la storia, la natura e la tradizione enologica si intrecciano da sempre, è iniziata l’avventura straordinaria che ha unito il destino di tre amici statunitensi appassionati dell’Italia, Nicola Marzovilla, Frank Bynum e Tom Peck Jr., e quello dell’esperta enologa Serena Gusmeri. Dalla loro passione per il microcosmo di Montefili, i suoi panorami, i suoi vigneti e dal loro rispetto per la natura, nascono prodotti di eccellenza, premiati e riconosciuti a livello internazionale, che raccontano del cuore del Chianti Classico e del territorio toscano. Al centro della certificazione Diversity Ark c’è il rispetto per la biodiversità del suolo e dell’ambiente, perseguito attraverso un approccio olistico all’agricoltura. Ciò include il monitoraggio dello stato di benessere dei suoli, la certificazione della biodiversità faunistica e floristica dell’appezzamento, e il campionamento del suolo. È fondamentale anche il divieto di uso di diserbanti e antiparassitari nocivi per la salute umana, e la verifica dell’assenza di plastiche nel terreno.  La certificazione Diversity Ark rappresenta così una rivoluzione nel settore agricolo, promuovendo non solo una maggiore biodiversità, ma anche rendendo più efficienti e meno onerosi i processi burocratici legati alle certificazioni. Questo facilita un’adozione più ampia di pratiche sostenibili e rispettose dell’ambiente, contribuendo significativamente al miglioramento della sostenibilità agricola in Europa. La certificazione è registrata presso EUIPO e certificata a livello europeo dall’Ente CSQA.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER