• Trade

WineCouture, anno cinque, numero 5/6: il futuro dell’Horeca

BANNER

Appuntamento per un primo bilancio dell’anno con WineCouture, magazine B2B dedicato a operatori e aziende del mercato Horeca. Il nuovo numero 5/6-2024 ricco di storie e voci, ci regala le considerazioni di alcuni protagonisti del settore Wine & Spirits attorno al fondamentale tema della sostenibilità. Un elemento oggi sempre più centrale, che abbiamo scelto di raccontarvi portandovi esempi concreti di approcci che guardino a un orizzonte più profondo della sola produzione, tra valorizzazione del territorio e appartenenza, in angoli d’Italia e del mondo dove ogni gesto, piccolo o grande che sia, conta per dare impulso a un nuovo modo di scrivere e leggere il vino e quanto gli sta attorno. Buona lettura e buona estate!

L’estate di WineCouture è nel segno del racconto della sostenibilità del vino

In primo piano nel numero 5/6-2024 di WineCouture sono le sfumature di sostenibilità che colorano oggi il mondo del vino e quello della distribuzione Horeca. Ed è proprio a uno dei grandi protagonisti del fuoricasa che è dedicata la copertina. In un’intervista doppia, tra prospettive di business e sostenibilità, ecco la vision di Partesa sul futuro nelle parole di Massimo Reggiani, amministratore delegato, e Alessandro Rossi, National Category Manager Wine.

Un racconto che fa da preludio al dossier dedicato a vino e sostenibilità che si apre con l’analisi targata iDealWine: nelle aste, infatti, monta l’onda dei vini bio, biodinamici e/o naturali.

Ma la sostenibilità non è solo quella ambientale o legata alle tipologie di produzione, è anche quella che guarda al territorio e che racconta di un’appartenenza che valorizza angoli d’Italia ancora tutti da scoprire.

E così, direttamente dalle colline Patrimonio dell’Umanità Unesco del Prosecco Superiore, viaggiamo tra Valdobbiadene e Conegliano per portarvi a visitare la nuova Casa Valdo, progetto della famiglia Bolla che si spinge oltre l’idea di enoturismo, le tante sfumature della linea Springo e la Vendemmia Solidale Le Manzane, e la grandezza di ogni piccolo gesto che dà forma al terzo Bilancio di Sostenibilità firmato Serena Wines 1881.

Restiamo in Veneto, con il futuro green di Allegrini Wines: un impegno sostenibile, quello della realtà di Fumane, che ha un impatto ben oltre il vigneto.

E poi, direzione Piemonte, per narrare il cammino sostenibile, dalla vigna all’etichetta, del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato.

Chiudiamo il nostro approfondimento con le voci della distribuzione Horeca, chiudendo il cerchio aperto con l’intervista doppia di copertina. Il costo di una scelta virtuosa: il consumatore finale è realmente disposto a pagare la sostenibilità? Rispondono Alessandro Sarzi Amadè, Leonardo Sagna, Pietro Pellegrini e Fabio Torretta. E poi, a tu per tu con Marcello Meregalli e Corrado Mapelli, che tracciano un’analisi ad ampio spettro sui primi sei mesi del 2024 è confermano: “È l’anno dei distributori”.

Le storie di vino continuano con un nuovo modo di raccontare Lambrusco e Prosecco, sfatando i pregiudizi: il caso di Cantine Riunite & Civ coi suoi Brand Ambassador.

E ancora: il nuovo volto nobile del vino di Toscana. Prosit Group presenta la collezione della Gherardesca, quattro etichette per un brand alto di gamma tra Bolgheri e Brunello.

È una Collection estiva quella che propone una serie di abbinamenti internazionali nel segno di piatti vegetali, tra Nuova Zelanda, California, Austria, Sud Africa, Provenza, Alsazia e Borgogna.

Ed è ancora la terra eletta dei Rosé e un pioniere di una viticoltura rispettosa e sostenibile a fare capolino. Vi raccontiamo la storia di Domaines Ott*: la Provenza del vino senza compromessi.

Poi due grandi novità in anteprima aprono lo spazio dedicato allo Champagne. Rivoluzione Héritage: Laurent-Perrier presenta il primo Champagne Brut composto al 100% da vini di riserva, che arriva in questi giorni anche in Italia. E l’esclusiva visita di WineCouture a Joseph 2.0: dentro alla nuova casa di Maison Krug ad Ambonnay.

Gran finale con il bicchiere della staffa: per essere aggiornati sull’universo Spirits, da non perdere le nostre pagine di approfondimento.

Già in distribuzione postale, in questa pagina potete cominciare ad avere una preview di WineCouture (numero 5/6-2024) con lo sfoglio completo dell’edizione digitale del magazine mensile B2B di Nelson Srl, qui di seguito:

Editoriale

Cosa significa sostenibilità

Cos’è oggi realmente la sostenibilità? Una domanda che capita proprio a tutti di farsi davanti a roboanti annunci che sempre più affollano i canali della comunicazione. Per rispondere a questa domanda è il caso di partire dal chiarirsi i termini di un altro quesito ad esso connesso: la sostenibilità è un trend o una moda? Una moda è qualcosa di effimero, fatuo innamoramento che tenderà a scemare col passare dei giorni innanzi a un nuovo colpo di fulmine che sarà pronto a sostituirsi a lui. Con un trend, invece, occorre farci i conti, perché si tratta di qualcosa destinato a restare, ma soprattutto a crescere e svilupparsi. Ecco, quello della sostenibilità è un trend che chi produce, ma anche chi distribuisce e chi vende, non può più e non deve ignorare. Non può per fattori interni innanzitutto: perché ognuno di noi è chiamato, a ogni livello, a seguire pratiche virtuose che generino frutti per sé ma anche per chi ci sta attorno, sia un dipendente o la collettività. Ma soprattutto, quello della sostenibilità è fattore che non può essere ignorato perché già anima il dibattito che regola il vivere comune: lo dimostrano le legislazioni, a iniziare dalle indicazioni europee, ma anche il mutato sentiment dei consumatori. Il futuro è sostenibile, per tutti. Lo è che si parli di economia circolare, che si faccia riferimento a una gestione sempre più armonica della quotidianità aziendale, che si guardi all’ambiente o che si parli di un nuovo prodotto. Viva, dunque, la sostenibilità che si fa non più annuncio sbandierato, ma impegno concreto, come testimoniano le molte storie che scoprirete in queste prossime pagine. Buona lettura.

WineCouture, anno cinque, numero 5/6: il futuro dell’Horeca con le considerazioni di alcuni protagonisti del settore Wine & Spirits
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER