• Trade

Il vino dell’Oltrepò Pavese riparte alla conquista degli Usa

BANNER

Riparte da San Francisco il viaggio alla conquista degli States da parte dei vini dell’Oltrepò Pavese. Con il Consorzio che tutela le eccellenze oltrepadane che dal 7 al 14 marzo parteciperà a Slow Wine Usa, il tour internazionale di Slow Food. Cinque tappe intense di degustazioni e incontri, masterclass di approfondimento, banchi di degustazione tra la West Coast degli Stati Uniti e New York, per riproporsi su un mercato sempre interessante per le etichette e le aziende pavesi.

Le aziende del vino dell’Oltrepò Pavese protagoniste al tour Slow Wine Usa

Il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese riparte con le sue attività internazionali e mette nel mirino una destinazione fondamentale per l’export di vino italiano.

Negli Stati Uniti Docg e Doc dell’Oltrepò Pavese saranno protagoniste dell’edizione 2023 di Slow Wine Usa, evento organizzato da Slow Food Editore che ogni anno presenta la sua aggiornata guida che recensisce oltre 400 aziende. 

Il tour di quest’anno prevede le tappe di San Francisco (6 marzo, City Vieuw at Metreon), Seattle (7 marzo, Block 41), Dallas (9 marzo, Eataly Dallas), Miami (13 marzo, Rubell Museum) e New York (14 marzo, Eataly NYC Downtown). 

Le aziende del vino dell’Oltrepò Pavese protagoniste al tour Slow Wine Usa. Veronese: “Portiamo Doc e Docg sotto i radar internazionali”.

Gli eventi previsti in un calendario serrato di degustazioni, masterclass, walk around tasting, con esperti e professionisti del settore che operano in America, rispondono all’esigenza di promozione internazionale in un mercato considerato fondamentale per il settore del vino mondiale.

La promozione è concentrata sul lancio dei prodotti che rappresentano le identitarie Doc e la Docg dell’Oltrepò, quest’ultima fiore all’occhiello con il suo Metodo Classico da Pinot Nero, sempre più apprezzato in Italia e all’estero, con la consapevolezza di un livello qualitativo eccellente raggiunto e conclamato dalle guide più importanti e anche dai recenti eventi di degustazione qualificati ed esigenti. 

Negli Stati Uniti, le cinque tappe puntano a valorizzare e promuovere prodotti a Denominazione dell’Oltrepò Pavese da vitigni internazionali “storici” e “autoctoni”: produzioni che cercano una ribalta internazionale forti del crescente successo registrato in questi ultimi anni.

Oltre 100 i produttori selezionati da Slow Wine Guide nelle tappe dello Slow Wine Tour. Con il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese che porta in degustazione le seguenti etichette: 

Berté & Cordini, Bruno Verdi, Cà Di Frara, Calatroni, Cà Montebello, Cantine Montagna, Castello di Cigognola, Castello di Luzzano, Conte Vistarino, Cordero San Giorgio,  Defilippi, Frecciarossa, Giorgi, La Travaglina, La Versa, Losito & Guarini, Manuelina, Quaquarini, Tenuta Mazzolino, Terre d’Oltrepò, Torti – Eleganza del Vino, Travaglino e Vanzini.

Le aziende del vino dell’Oltrepò Pavese protagoniste al tour Slow Wine Usa. Veronese: “Portiamo Doc e Docg sotto i radar internazionali”.

Veronese: “Portiamo le nostre Doc e la Docg sotto i radar internazionali”

Spiega il direttore, Carlo Veronese:

“Le attività 2023 del Consorzio sono iniziate ufficialmente in Italia già da alcune settimane con un primo evento di grande successo come quello dedicato a Oltrepò – terra di Pinot Nero con Ais Milano, che ha richiamato all’assaggio 450 sommelier ed esperti”. 

“Un’iniezione di fiducia che fa ben sperare alla vigilia di questo nuovo tour americano, mercato sempre più interessante, anche perché attento al racconto autentico del vino, di chi lo fa, del territorio, dell’identità e tipicità che rappresenta le varie aree vitivinicole”.

Il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese è presente all’edizione 2023 dello Slow Wine Tour Usa, in tutte e cinque le tappe con un grande banco di degustazione e una masterclass di approfondimento dedicata alla Denominazione Oltrepò Pavese che punta a fare conoscere l’importante livello qualitativo raggiunto dalla Docg Metodo Classico e dalle altre Doc, identificative di un territorio del vino in forte espansione e crescita di valore economico.

Le aziende del vino dell’Oltrepò Pavese protagoniste al tour Slow Wine Usa. Veronese: “Portiamo Doc e Docg sotto i radar internazionali”.

“Il mondo del vino, come tutto il mondo agro alimentare si trova a fronteggiare una crisi economica, energetica e climatica che di sicuro impatta su tutte le attività e sull’effetto finale della filiera e della promozione”, aggiunge Veronese. 

“A maggior ragione bisogna rimboccarsi le maniche, frequentare i grandi eventi all’estero dove abbiamo da qualche tempo aperto nuovi canali con effetti già positivi e dobbiamo cercare, come Consorzio, di supportare quelle aziende che possono fare il salto di qualità complessivo, non solo per la bontà del prodotto nel calice, che è ormai conclamata in modo capillare e riguarda oggi davvero un numero importante di aziende dell’Oltrepò, ma anche un salto organizzativo e di sviluppo sostenibile per molte piccole aziende che possono aspirare a diventare medie e contribuire in modo decisivo al successo e valore complessivo delle Denominazioni”. 

“Solo portandole nei radar internazionali si può iniziare un percorso determinante per il loro futuro”.

Dopo lo Slow Wine Tour, il vino dell’Oltrepò affronterà le trasferte di Prowein, a Düsseldorf con Ascovilo – Grana Padano, Verona Vinitaly, London Wine Fair e Vinoforum a Roma. Al contempo, il Consorzio sta programmando una serie di attività dedicate al settore della ristorazione e della sommellerie, sia portando sul territorio dell’Oltrepò operatori e opinion leader, sia proponendo degustazioni su piazze importanti come Roma (Fis – Hilton Cavalieri), Ais Monza e Ais Sicilia.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER