https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

Premio Mesa, talenti sardi in cucina in gara: come candidarsi

Dello stesso argomento

Torna per la sua terza edizione il Premio Mesa, concorso dedicato a giovani chef e ristoratori emergenti sardi promosso dall’iconica azienda vinicola fondata da Gavino Sanna nel Sulcis Iglesiente. La Sardegna, infatti, vanta un eccezionale patrimonio culturale e, in questo, l’evoluzione e l’affermazione della sua tradizione gastronomica possono rappresentare un volano di prim’ordine verso un nuovo modello di sviluppo per l’intera Regione, capace di creare occupazione e ricchezza nel totale rispetto del territorio, della sua identità e della massima sostenibilità. Proprio partendo da questa convinzione Cantina Mesa ha deciso d’incoraggiare i giovani chef e ristoratori sardi determinati a sviluppare le proprie competenze ed il proprio impegno nel settore, attraverso un concorso che, quest’anno, permette al vincitore di frequentare un Master di alta formazione con oggetto “Pane e Lievitati con Grani Antichi” presso l’Accademia Niko Romito, proposto con l’obiettivo di aumentare il patrimonio di competenze da poter restituire al territorio.

Il contest per i giovani talenti di Sardegna da Cantina Mesa: i nomi della giuria guidata Gavino Sanna

A guidare la Giuria chiamata ad assegnare il Premio Mesa 2022 sarà Gavino Sanna, come da tradizione consolidata affiancato da eminenti esperti. Nell’ordine: Paolo Marchi, ideatore e curatore di Identità Golose; Maddalena Fossati, direttrice de La Cucina Italiana e Traveller; Pietro Pio Pitzalis, fondatore e direttore di Reporter Gourmet; Sergio Mei, per un ventennio executive chef del Four Season Hotel di Milano e oggi riconosciuto tra i massimi esponenti della cucina italiana; Alberto Piras, sommelier de Il Luogo di Aimo e Nadia, ristorante due stelle Michelin di Milano.

Una giuria d’elezione chiamata a proclamare il vincitore di questa terza edizione che seguirà Gavino Piu – attualmente chef del Santa Marì Catalan Bistrot di Alghero – che l’ha convinta nel 2019 con il suo “Filetto di vitello al Buio Buio, come una volta”, proposto in abbinamento al Carignano del Sulcis Riserva Buio Buio e Andrea Serusi – ora in servizio presso Frades La Terrazza di Porto Cervo – vincitore della seconda edizione con “Tottu trota”, un omaggio alla specie autoctona della trota sarda, un tempo molto comune e ora in via di estinzione, presentato in abbinamento a Rosa Grande Carignano del Sulcis Doc Rosato.

Al via la terza edizione del Premio Mesa, il concorso dedicato a giovani chef e ristoratori emergenti di Sardegna promosso da Cantina Mesa.

Premio Mesa 2022: come iscriversi per partecipare, finale il 24 novembre a Identità Golose Milano

Al Premio Mesa 2022 possono partecipare giovani chef e ristoratori di età compresa tra i 20 e i 35 anni, che hanno operato in Sardegna almeno a partire dalla stagione estiva 2018. 

Come per le precedenti edizioni, le candidature dovranno pervenire in formato digitale entro il 30 settembre, compilando il modulo online.

Tra le candidature regolarmente pervenute, la Giuria selezionerà i 3 migliori profili, che saranno chiamati il prossimo 24 novembre all’Hub di Identità Golose a Milano per sfidarsi in una prova pratica: la creazione di un piatto rappresentativo della loro idea di cucina regionale. 

La finale, aperta al pubblico, verrà presentata da Giovanni Fancello – giornalista, gastronomo e scrittore sardo – e vedrà la giuria in presenza esprimere il verdetto.

Il vincitore, che si distinguerà per originalità, piacevolezza, rappresentatività territoriale e armonia nell’abbinamento con uno dei vini di Cantina Mesa, succederà a Gavino Piu e Andrea Serusi nel palmarès e verrà celebrato la sera stessa con una cena interamente dedicata alla Sardegna presso l’Hub di via Romagnosi.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »