https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

“Il giro del mondo in 8 bicchieri di vino” a Ulissefest di Lonely Planet

Dello stesso argomento

Ulissefest, il festival del viaggio di Lonely Planet, la casa editrice australiana distributrice delle guide turistiche più amate nel mondo, torna quest’estate, dal 15 al 17 a luglio a Pesaro. Tra i protagonisti anche Elemento Indigeno, progetto di ricerca sul vino di Compagnia dei Caraibi, partner d’eccezione della manifestazione. A venire sposati i due temi fondanti dell’UlisseFest: il viaggio, attraverso i continenti, e la ricerca, di vini internazionali in cui scorre l’elemento indigeno inteso come essenza del luogo, delle persone e delle culture che lo abitano. Elemento Indigeno viaggia, legge le pagine dell’universo del vino, esplora terroir e incontra popoli che raccontano il loro modo di vivere e di produrre vino. Prende appunti e raccoglie emozioni, per selezionare le migliori etichette e presentarle al pubblico. Così come la celebre guida, esplora tutti gli angoli del mondo, anche i più remoti facendoli conoscere al grande pubblico.

La degustazione firmata Elemento Indigeno sbarca a Ulissefest di Lonely Planet a Pesaro

Elemento Indigeno, dunque, porterà in scena a Ulissefest “Il giro del mondo in otto bicchieri di vino”: una degustazione alla scoperta dell’elemento indigeno, nonché un viaggio alla scoperta di sapori e luoghi inaspettati. Sono 8 i bicchieri di vino in degustazione, esattamente come i Paesi che si attraverseranno. Si parte dalla culla del vino in Georgia per attraversare il Mediterraneo, l’Africa, le Americhe, l’Oriente, la lontana Nuova Zelanda e per, infine, ritrovarsi in Spagna.

Elemento Indigeno è l’essenza del luogo, delle persone che lo abitano e delle culture che si avvicendano; la sua esplorazione è guidata dal costante desiderio di conoscere, ricercare novità, assonanze e distonie, diversità e biodiversità, che rendono unici e straordinari i luoghi del mondo. 

“Il giro del mondo in 8 bicchieri di vino”: la degustazione firmata Elemento Indigeno sbarca a Ulissefest di Lonely Planet a Pesaro.

Elemento Indigeno: un vero viaggio nel mondo del vino

8 macroaree, 65 regioni enologiche, 27 paesi, 74 produttori per oltre 330 etichette: sono solo alcuni dei numeri che esemplificano il percorso tracciato dal brand, impegnato in un accurato lavoro di ricerca e selezione delle realtà vitivinicole più autentiche, per offrire al pubblico un catalogo eterogeneo e strutturato, ampio nella proposta di referenze, capace di toccare tutti gli angoli del globo. Vini ancestrali e rari, antichi e moderni, rivoluzionari ed eclettici, Elemento Indigeno li cerca e seleziona con passione, cura e amore.

Una selezione basata non solo sulla continua ricerca della qualità, ma anche su un impegno etico nei confronti del lavoro, della terra e della valorizzazione delle sue risorse nelle loro componenti più naturali, valori che vengono trasferiti in un catalogo popolato da molti vini biologici, naturali e biodinamici.

La mission del brand è proprio quella di individuare e tramandare queste storie, provenienti da Paesi lontani e vicini, per creare un dialogo capace di superare confini e convenzioni, verso un orizzonte inclusivo fatto di popoli e culture diverse, accomunate dalla stessa passione che porta a coltivare la terra e a pigiare l’uva.  

Il vino, in questo senso, è lo strumento di scoperta, un mezzo primordiale, capace di oltrepassare confini temporali, geografici, sociali, per portare alla luce il “genius loci”. 

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »