https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

Wine & Spirits Magazine: cresce l’Italia nella Top 100 2022

Dello stesso argomento

Anche quest’anno, nella classifica delle 100 migliori cantine nel mondo selezionate dal magazine statunitense Wine & Spirits c’è tanta Italia. Con il 2022 che vede aggiungersi un’azienda in più rispetto a 12 mesi fa nel novero del meglio del meglio. 14, per la precisione, le cantine scelte dagli esperti della rivista Usa dopo un’attenta selezione alla cieca. E tra le realtà che hanno saputo conquistare con le performance delle loro etichette in questo 2022 l’Olimpo della Top 100 Wine & Spirits, alcuni dei volti più noti del vino made in Italy, con la Toscana a soppiantare il Piemonte nel fare da capofila.

Chi sono le aziende italiane nella Top 100 Wine & Spirits Magazine del 2022

È come da tradizione un interessante mosaico di scelte, quello di Wine & Spirits. Una selezione che spazia davvero da una parte all’altra del mondo.

Per l’Italia, come detto, la Toscana a soppiantato quest’anno il Piemonte come riferimento principe. Sono sei, quasi la metà della pattuglia tricolore, le cantine provenienti da una delle principali culle del vino del Belpaese. Due le riconferme rispetto al 2021: Le Macchiole di Cinzia Merli, a raccontare l’eccellenza di Bolgheri, e sua maestà il Gallo Nero, con una piccola azienda biologica di Gaiole in Chianti come Rocca di Montegrossi. Poi, è una fotografia del meglio del volto in rosso di Toscana a essere catturato: a iniziare dal mito Ornellaia della famiglia Frescobaldi, passando per i volti noti rispettivamente di Val d’Arno di Sopra e Montalcino, con Petrolo e Poggio di Sotto

In seconda piazza, ma staccata di un solo rappresentante, il Piemonte, che pone sugli scudi le eccellenze di Barolo e Barbaresco, pur “perdendo” per strada rispetto a 12 mesi fa nomi di peso, a iniziare dal “mito” Gaja. Per il 2022, conferma solo per Fratelli Alessandria, cui si aggiungono realtà di spicco come Massolino e Sandrone, parlando di Barolo, e Produttori del Barbaresco e Sottimano, per il Barbaresco.

Tra i grandi del Nord, poi, balza subito all’occhio la pesante assenza del mondo Amarone, esattamente come un anno fa, con una buona notizia però per il vino veneto, altro riferimento per la viticoltura nostrana: l’entrata nella Top100 di Wine & Spirits delle bollicine del Conegliano Valdobbiadene Docg di Adami.

Infine, spazio che si è ridotto per l’eccellenza del Sud Italia rispetto a 12 mesi fa, ma con due conferme: da una parte la Basilicata di Elena Fucci, che porta l’Aglianico del Vulture in cima al mondo, dall’altra la Sicilia, sempre più sulla bocca e nei calici di tutti a livello internazionale, con l’Etna che s’impone grazie ai cru di Tenuta delle Terre Nere.

Chi sono le aziende italiane nella Top 100 Wine & Spirits Magazine del 2022: tutti i premiati dal mondo, da Francia a Usa del magazine.

Non solo Italia: tutti i premiati dal mondo, da Francia a Usa

Dagli Usa al Libano, dalla Francia al Canada, passando per Australia, Germania, Ungheria, Grecia e molte altre destinazioni del vino la Top100 di Wine & Spirits si completa con un vero spaccato capace di catapultare da una parte all’altra del mondo.

Qui di seguito, tutti i nomi delle aziende internazionali selezionate da Wine & Spirits per il 2022, che faranno compagnia alla “squadra” italiana nei due “Top 100 Events” di San Francisco e New York dei prossimi mesi:

  • Francia 

Louis Roederer ― Champagne

Bollinger ― Champagne

Petit & Bajan ― Champagne

Pierre Gimonnet & Fils ― Champagne

Marcel Deiss ― Alsace

Zind-Humbrecht ― Alsace

Domaine de Bellene ― Burgundy

Domaine Chanson ― Burgundy

Maison Louis Jadot ― Burgundy

Domaine Frédéric Magnien ― Burgundy

Lucien Le Moine ― Burgundy

Clos Canarelli ― Corsica

Clos des Fées ― Languedoc

Château Maris ― Languedoc

Domaine Fournier ― Loire

Domaines Ott ― Provence

Delas Frères ― Rhône

E. Guigal ― Rhône

  • Germania 

Dönnhoff ― Nahe

Robert Weil ― Rheingau

Ziereisen ― Baden

Selbach-Oster ― Mosel

  • Austria

Hannes Sabathi

Moric

Rudi Pichler

Schloss Gobelsburg

  • Ungheria

Royal Tokaji

  • Spagna

Suertes del Marqués ― Canaries

Can Sumoi ― Penedès

Tempos Vega Sicilia ― Ribera del Duero

Viñedos Sierra Cantabria ― Rioja

  • Portogallo

Prats + Symington ― Douro

Wine & Soul ― Douro

W. & J. Graham’s ― Porto

Taylor Fladgate ― Porto

  • Grecia

Alpha Estate

Lyrarakis

Vassaltis Vineyards

  • Libano

Château Musar

  • Sudafrica

Mullineux

  • Australia

Giant Steps

Penfolds 

Vasse Felix

Yangarra Estate

  • Argentina

Catena Zapata 

  • Cile

Concha y Toro

Viña Undurraga

  • Canada

Inniskillin

  • Usa: New York

Hermann J. Wiemer Vineyard

Ravines

Usa: Oregon

Bergström

Cristom Vineyards

Lingua Franca 

Lumos Wine Co.

Nicolas-Jay

The Eyrie

Walter Scott

  • Usa: Washington

Chateau Ste. Michelle & Eroica

DeLille Cellars

Gramercy Cellars

L’Ecole No 41

Saviah

Sleight of Hand

  • Usa: Central Coast

Au Bon Climat

Calera

Chanin Wine Co.

Eden Rift

Fess Parker 

J. Lohr Vineyards & Wines

Ridge Vineyards

Samsara

Tablas Creek

  • Usa: Napa Valley

Corison

Diamond Creek Vineyards

Duckhorn Vineyards

Grgich Hills Estate

Storybook Mountain Vineyards

Sullivan Rutherford Estate

  • Usa: North Coast

Drew Family Wines

Dutton-Goldfield

Radio-Coteau

  • Usa: Sierra Foothills

Lava Cap

Terre Rouge & Easton

  • Usa: Sonoma

Hirsch Vineyards

Iron Horse 

Jordan

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »