• Eventi

Cena della Teranga: il 30 agosto al Ristorante Giardini del Massimo di Palermo gli chef Gianvito Gaglio e Mareme Cissé celebrano a tavola integrazione e solidarietà

BANNER

Teranga, nella lingua dei Wolof del Senegal, definisce ciò che si offre all’ospite e che, con un gesto di reciprocità, impegna quest’ultimo a ricambiare. È ispirandosi a questo principio che, mercoledì 30 agosto, Giardini del Massimo ristorante all’interno del teatro lirico di Palermo, sarà il palcoscenico speciale di una cena a quattro mani firmata dallo chef di casa Gianvito Gaglio insieme alla chef Mareme Cissé, collega senegalese del ristorante Ginger di Agrigento – gestito dalla cooperativa sociale Al Kharub – che nei giorni scorsi è stata protagonista di un episodio di razzismo.

Cena della Teranga: a Palermo ai Giardini del Massimo, Mareme Cissé e Gianvito Gaglio in una cena a quattro mani che celebra l’integrazione
Chef Mareme Cissé

In un viaggio attorno al Mediterraneo, gli chef propongono ai 60 fortunati commensali un percorso che parte dal cocktail di benvenuto, il Bissap Mediterraneo (bevanda tipica del Senegal), per proseguire con le entrées a base di Tartellettes di fichi, caprino erborinato di girgentana e miele della Valle dei Templi proposto da chef Cissé e Arancina di Mafè di chef Gaglio.

L’antipasto è Alalunga, tenerumi, arachidi e zenzero del resident dei Giardini del Massimo, mentre i primi sono il Mariste, un couscous con gambero rosso di Mazara del Vallo marinato e lime su crema di kiwi e rucola, elaborato da Mareme Cissé e lo Gnocco di Thieboudienne di Gianvito Gaglio.

Chiudono il menù due piatti della chef senegalese: Filetto di sgombro marinato e cotto in sottovuoto con verdure al vapore e cipolla Paglina di Castrofilippo caramellata e lo Sherbet di pera e Nero d’Avola.

A sottolineare ulteriormente il legame con il territorio e le sue primizie, l’impiego di ingredienti provenienti da presidi Slow Food.

Cena della Teranga: gli Chef Gianvito Gaglio e Mareme Cissé insieme attraverso il cibo un messaggio sociale e interculturale

Il ricavato della serata, con offerta libera a partire da 80 euro, sarà interamente devoluto alla Missione Speranza e Carità di Palermo, dedicata alla memoria di Biagio Conte. Fra i partecipanti il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, quello di Agrigento, Francesco Micciché e il sovrintendente del Teatro Massimo, Marco Betta.

“Ogni persona che lascia il proprio Paese – dice la chef Mareme Cissé – che sia la Sicilia, il Senegal o qualsiasi altro, porta con sé la propria cultura, saperi e storie che finiscono inevitabilmente per arricchire la nazione ospitante. È sempre stato così. Far parte di una comunità significa per me questo: condivisione, scambio e rispetto reciproco, per costruire insieme progetti e idee nuove e di valore. In sintesi, per creare bellezza”.

Cena della Teranga: a Palermo ai Giardini del Massimo, Mareme Cissé e Gianvito Gaglio in una cena a quattro mani che celebra l’integrazione
Chef Gianvito Gaglio

“Il cibo rappresenta un ponte tra noi e l’altro – aggiunge Gianvito Gaglio, chef del Giardini del Massimo di Palermo – poiché la condivisione del cibo mette in comunicazione le persone e le rende membri della stessa comunità, parti di una stessa cultura”.

“Ed è così che l’alimentazione diventa linguaggio utile per abbattere barriere ideologiche, etniche, politiche e sociali; uno dei mezzi più utilizzati per entrare in contatto e conoscere altre realtà, per mescolare civiltà, per tentare la via dell’interculturalismo”.

BANNER
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER