https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Soave: Sandro Gini riconfermato al vertice della Doc

Dello stesso argomento

BANNER

Nuovo mandato alla guida dell’universo Soave per Sandro Gini, enologo, classe 1958. Il titolare dell’azienda agricola Gini Sandro e Claudio è stato infatti riconfermato presidente del Consorzio Tutela Vino Soave per il mandato 2021/2023. La nomina è avvenuta all’unanimità, da parte del nuovo consiglio insediato nel mese di giugno composto da Cristian Ridolfi, Claudio Tamellini, Emanuele Vicentini, Fernando Viviani, Giovanni Verzini, Gaetano Tobin, Giovanni Nordera, Laura Rizzotto, Massimino Stizzoli, Massimo Meneghello Canoso, Matteo Inama, Paolo Fiorini, Roberto Soriolo, Wolfgang Raifer. Ad affiancare il presidente sono stati eletti in qualità di vice Massimino Stizzoli (in foto, a sinistra con Gini) e Matteo Inama, mentre il collegio sindacale sarà guidato da Mauro Pernigotto con il supporto di Paolo Domenico Chignola e Alberto Bellieni.

Le priorità del nuovo mandato di Sandro Gini

Il lavoro del nuovo mandato di presidenza di Sandro Gini si incentrerà su un processo di forte rinnovamento della Denominazione, a partire dalle Unità Geografiche e dalle vigne. 

Un’attenzione particolare sarà infatti data alla regolamentazione, sia da un punto di vista normativo sia sulla sostenibilità ambientale, con l’obiettivo di mettere sempre più al centro una viticoltura consapevole.

Il numero delle aziende bio nel Soave è infatti in crescita continua (4% nella Doc, 10% nel Classico) e sono diverse le realtà che hanno iniziato il processo di conversione. Un’ottica green che è stata condivisa da tutto il comprensorio anche grazie all’introduzione del protocollo vitivinicolo approvato nel 2020 che segue le indicazioni sulla lotta integrata della Regione Veneto.

La riconferma di Sandro Gini alla guida della Doc Soave è avvenuta all’unanimità, da parte del nuovo consiglio composto da Cristian Ridolfi, Claudio Tamellini, Emanuele Vicentini, Fernando Viviani, Giovanni Verzini, Gaetano Tobin, Giovanni Nordera, Laura Rizzotto, Massimino Stizzoli, Massimo Meneghello Canoso, Matteo Inama, Paolo Fiorini, Roberto Soriolo, Wolfgang Raifer
La riconferma di Sandro Gini alla guida della Doc Soave è avvenuta all’unanimità, da parte del nuovo consiglio composto da Cristian Ridolfi, Claudio Tamellini, Emanuele Vicentini, Fernando Viviani, Giovanni Verzini, Gaetano Tobin, Giovanni Nordera, Laura Rizzotto, Massimino Stizzoli, Massimo Meneghello Canoso, Matteo Inama, Paolo Fiorini, Roberto Soriolo, Wolfgang Raifer

Obiettivo: preservare sempre più il paesaggio del Soave

Altro punto cardine di quelli che sarà il prossimo triennio è la preservazione del paesaggio del Soave riconosciuto dalla Fao. Un attestato, quest’ultimo, che ha portato una forte spinta alla tutela di quegli elementi caratterizzanti come la pergola veronese o i muretti a secco.

Il nuovo mandato vedrà il Consorzio come parte attiva nello stimolare ancora di più gli interventi di manutenzione, sorveglianza delle criticità e comune lavoro con le amministrazioni comunali per intervenire in maniera incisiva sul territorio.

La volontà è quella di favorire lo sviluppo dell’enoturismo anche con la valorizzazione dei percorsi idonei tra le vigne.

Il Soave alla prova di un mondo che è cambiato

“Riprendo il mio mandato consapevole che il mondo è profondamente cambiato”: queste le prime parole di Sandro Gini, dopo la rielezione alla presidenza del Consorzio. 

“Nel futuro ci sarà bisogno di azioni responsabili, mirate e soprattutto efficaci nei confronti dei soci della Denominazione”.

“Auspico tra i soci unione e condivisione degli obiettivi comuni che devono essere quelli di aumentare il valore dell’imbottigliato della Denominazione, una maggiore attenzione all’ambiente e alle pratiche sostenibili, e soprattutto dialogo con le istituzioni. Sono obiettivi ambiziosi che richiedono l’impegno e anche la passione di ogni produttore del Soave”.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »