Una, due, tre Stelle Michelin: chi sale e chi scende, i risultati della Guida 2022

Nella serata del 23 Novembre è stata presentata la 67esima edizione della Guida Michelin. La sempre emozionante cerimonia ha visto l’assegnazione di 36 nuove stelle a 35 ristoranti, con l’entusiasmante exploit del ristorante Tre Olivi di Paestum, passato da zero a due stelle.

Tra le 35 novità stellate che hanno delineato un nuovo firmamento in 14 regioni della penisola, la Campania si è distinta sia per il numero di riconoscimenti complessivi (otto nuove stelle), sia per la presenza dei due nuovi ristoranti due stelle Michelin, inseriti nella selezione italiana 2022.

Nella Guida Michelin Italia 2022, figurano dunque due new entry due stelle e 33 novità una stella, per un totale di 378 ristoranti stellati. Confermati tutti gli 11 tre stelle.

Due new entry tra le due stelle Michelin

L’evento, trasmesso in Live streaming, è stato condotto da Fjona Cakalli con la partecipazione di Federica Pellegrini che, in veste di Ambassador Michelin, ha annunciato i 17 ristoranti ai quali gli ispettori hanno assegnato la Stella Verde Michelin. Il totale dei ristoranti con stella verde sale così a 30.

Diventano invece 38 i ristoranti che “meritano una deviazione” due stelle, a seguito delle due new entry:

  • Ristorante Krèsios – Telese Terme (Benevento)

Nella moderna atmosfera del ristorante Krèsios, il servizio molto professionale e perfettamente ritmato è il giusto contorno di una cucina che sorprende per idea, studio e creatività. Un unico percorso di degustazione intrigante e a tratti provocatorio quello proposto dallo chef Giuseppe Iannotti, i cui sapori esotici che strizzano l’occhio al Belpaese sono espressi con grande perfezione tecnica. Pochi ingredienti e tanta precisione per una proposta che esce dall’ordinario per far vivere al palato un’esperienza totale.

  • Ristorante Tre Olivi – Paestum (Salerno)

Una esperienza gastronomica sensoriale e territoriale. La grande personalità dello chef Giovanni Solofra emerge dalla sua proposta di cucina, capace di sorprendere per finezza, gusto, idea e tecnica. Generosità, precisione, minuziosità in ogni preparazione sono le parole d’ordine per produrre accostamenti spesso intriganti.

33 nuovi stellati nella guida 2022

Le 33 novità una stella in guida portano a 329 il totale dei ristoranti stellati nella selezione 2022. 

Tra di essi, 16 locali sono timonati da chef con età uguale oppure inferiore ai 35 anni. Cinque chef, poi, sono under 30:

  • Luigi Lepore
  • Hyle
  • Aria
  • Rear Restaurant
  • Li Galli
  • Contaminazioni Restaurant
  • Cannavacciuolo Countryside
  • Mater1apr1ma
  • San Giorgio
  • Orto by Jorg Giubbani
  • Felix Lo Basso home & restaurant
  • Bianca sul Lago by Emanuele Petrosino
  • La Speranzina Restaurant & Relais Osteria degli Assonica
  • L’Arcade
  • Retroscena
  • Unforgettable
  • Nazionale
  • Primo Restaurant
  • Porta di Basso
  • Somu
  • Fradis Minoris
  • Gusto by Sadler
  • Gagini Restaurant
  • Octavin
  • Osteria Acquarol
  • 1908
  • L’Acciuga
  • La Favellina
  • Locanda Le 4 Ciacole
  • Local
  • Wistèria
  • Zanze XVI

Confermati gli 11 tre stelle Michelin che “valgono il viaggio”

Nel linguaggio della Guida Michelin 2022, le insegne con tre macaron propongono una cucina che “vale il viaggio”, ed i ristoranti o selezionati sono

Piazza Duomo ad Alba (Cuneo), Da Vittorio a Brusaporto (Bergamo), St. Hubertus, a San Cassiano (Bolzano), Le Calandre a Rubano (Padova), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (Mantova), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (Aquila), Mauro Uliassi a Senigallia (Ancona) e Enrico Bartolini al Mudec a Milano.

Chi vince e chi perde, da regione a città

Nella classifica delle stelle per regioni, la Lombardia mantiene la leadership grazie ai 56 ristoranti (3 tre stelle, 5 due, 48 una) ed ai quattro nuovi stellati.

La Campania si aggiudica invece il record annuale di novità (ben 7) issandosi al secondo posto con 48 ristoranti, (8 due stelle e 40 una stella). 

Di conseguenza il Piemonte, con una novità e 45 ristoranti (1 tre stelle, 4 due, 40 una), scende sul gradino più basso del podio mentre con una new-entry e 41 ristoranti (1 tre stelle, 5 due, 35 una), la Toscana scala in quarta posizione davanti al Veneto, che a fronte del totale di 36, è la seconda regione più premiata del 2022 grazie a cinque nuovi ristoranti stellati (1 tre stelle, 4 due, 31 una) presenti in guida.

Tra le province, Napoli si conferma prima per distacco con 30 ristoranti (6 due stelle e 24 una) seguita da Roma in seconda posizione con 20 (1 tre stelle, 1 due, 18 una) e quindi da Bolzano. Terza a quota 19 ristoranti (1 tre stelle, 3 due, 15 una) davanti a Cuneo con 18 (1 tre stelle, 2 due, 15 una). Milano scivola in quinta posizione con 16 ristoranti stellati (1 tre stelle, 3 due, 12 una).

La App Michelin ristoranti è già disponibile gratuitamente per iOS e Android. L’edizione cartacea della Guida Michelin Italia 2022 sarà, invece, disponibile in tutte le librerie a partire dal 3 dicembre.

L’edizione cartacea della Guida Michelin Italia 2022 sarà, invece, disponibile in tutte le librerie a partire dal 3 dicembre.
L’edizione cartacea della Guida Michelin Italia 2022 sarà, invece, disponibile in tutte le librerie a partire dal 3 dicembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto