https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

Brunello: il nuovo Cda “debutta” con Red Montalcino

Dello stesso argomento

BANNER

Aria di novità a Montalcino. Mentre cresce l’attesa per la “Prima”, il prossimo 11 giugno, della nuova kermesse Red Montalcino, voluto dal Consorzio del Vino Brunello di Montalcino per raccontare ancor più in profondità il suo Rosso, l’anima giovane e contemporanea di un grande territorio, si rinnova anche il volto del Consorzio. Nuovo CdA per il Brunello di Montalcino, con il consiglio d’amministrazione che vede 5 new entry.

Il nuovo CdA del Consorzio del vino Brunello di Montalcino: 5 le new entry

Il Consorzio del vino Brunello di Montalcino ha eletto il 27 maggio il nuovo CdA. Tra i 15 componenti, 5 nuovi ingressi. I riconfermati sono Stefano Bambagioni (Fossacolle), Giacomo Bartolommei (Caprili), Fabrizio Bindocci (Il Poggione), Tommaso Cortonesi (La Mannella), Elisa Fanti (Tenuta Fanti), Ermanno Morlacchetti (Tenute di Castelgiocondo e LDV), Giovanni Neri (Casanova di Neri), Bernardino Sani (Argiano), Riccardo Talenti (Talenti) ed Enrico Viglierchio (Banfi). 

Nominate anche le new entry, si tratta di:

  • Alex Bianchini (Ciacci Piccolomini d’Aragona);
  • Maurizio Bogoni (Tenute Ruffino);
  • Piero Novello (Tenuta dell’Incanto);
  • Francesco Ripaccioli (Canalicchio di Sopra);
  • Adriano Rubegni (Podere La Vigna). 

Il nuovo consiglio di amministrazione del Consorzio del vino Brunello di Montalcino resterà in carica per il prossimo triennio e avrà come suo debutto la prima edizione del nuovo evento Red Montalcino.

Il nuovo CdA del Consorzio del vino Brunello di Montalcino vede 5 new entry e debutta per la prima edizione per Red Montalcino.

Prima edizione per Red Montalcino: quando è, come partecipare alle degustazioni

Si terrà il prossimo 11 giugno il debutto di Red Montalcino, con la kermesse che si aprirà con una presentazione al Teatro degli Astrusi di Montalcino, in cui saranno premiati gli Ambasciatori del Rosso di Montalcino. 

A seguire una Tavola Rotonda con interventi, tra gli altri, di giovani produttori del territorio, che racconteranno la forza di questo prodotto ed il loro rapporto – quali nuove generazioni di produttori – con un iconico brand territoriale come quello di “Montalcino”. Interverrà, tra gli altri, anche Lara Gilmore, fondatrice assieme al marito Massimo Bottura di Food for Soul, raccontando la nascita di questa collaborazione per la realizzazione della cena di Red Montalcino.

Nel pomeriggio del sabato, dalle 16,30 alle 19,30, le aziende del territorio ilcinese offriranno ai visitatori una degustazione all’interno del Chiostro del Museo di Montalcino. Sarà la giusta occasione per conoscere “da vicino” il Rosso, espressione di grande versatilità e freschezza, versato nel bicchiere direttamente dai produttori della Doc e non farsi mancare una visita de Il Tempio del Brunello, un percorso immersivo ed emozionale alla scoperta di questo grande vino.

Montalcino si riscopre così oltre ai classici vini, mettendo in evidenza la qualità e l’accessibilità del Rosso, una gioiosa espressione legata alla Contemporaneità, valore molto caro alle giovani generazioni. Red Montalcino sarà anche l’occasione di scoprire la forte Identità espressa dall’iconico borgo del vino italiano.

L’ingresso al walking around tasting è aperto a tutti, con un biglietto di 25 euro che offrirà la possibilità di incontrare gli oltre 70 produttori presenti. I biglietti sono acquistabili direttamente online sul sito del Consorzio.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »