https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trend

Chianti Classico e Fiorentina: l’abbinamento diventa NFT

Dello stesso argomento

banner

La bistecca per antonomasia, la Fiorentina, sbarca nell’universo digitale. E lo fa ovviamente accompagnata da un buon calice di Chianti Classico. Si chiama “FiorentinaSteak & TuscanWine22” il primo NFT della storia legato a un piatto tipico italiano, rivoluzionario “travel sticker” dell’era Web 3.0 e souvenir digitale esclusivo e inalterabile per viaggiatori sofisticati. A coordinarne il lancio nei giorni scorsi l’Italian Wine Crypto Bank, che lo ha reso disponibile in un’edizione limitata in collaborazione con alcuni dei locali di Firenze più rinomati. 

Il lancio di “FiorentinaSteak & TuscanWine22”, l’NFT dedicato al simbolo di Firenze e al Chianti Classico: dove trovarlo

“Firenze, la bistecca alla Fiorentina, suo piatto iconico, e i vini del Chianti Classico hanno milioni di ammiratori nel mondo e questo NFT è dedicato a tutti loro, anche se solo 300 avranno il privilegio di averne uno”, ha spiegato Anna Paclet a nome dell’Italian Wine Crypto Bank al momento della presentazione dell’iniziativa.

Questo NFT, nel mondo reale, include una experience enogastronomica di Fiorentina (per due, di almeno 1 Kg) in abbinata al Chianti Classico 2018 della cantina Villa Calcinaia di Greve in Chianti, dove è avvenuto il lancio. Sei i ristoranti d’eccezione a Firenze coinvolti nell’iniziativa: Cammillo, Cibrèo, Ristorante l’Ora d’Aria, Regina Bistecca, Tullio a Montebeni e Trattoria da Burde. 

Il lancio di “FiorentinaSteak & TuscanWine22” è stato introdotto da Sebastiano Capponi, direttore ed enologo di Villa Calcinaia, che ha preceduto il wine writer Andrea Gori e l’illustratore Gianluca Biscalchin, autori dell’NFT, che hanno spiegato il senso del loro lavoro. Vinicio Eminenti, wine merchant basato in Cina e partner dell’Italian Wine Crypto Bank, ha poi evidenziato la crescente importanza della blockchain e della tokenizzazione per il mondo dei vini pregiati.

L'abbinamento “Fiorentina Steak & Tuscan Wine 22”, l’NFT dedicato al simbolo di Firenze e al Chianti Classico: dove trovarlo e quanto costa.
Anna Paclet e Vinicio Eminenti

Tra i relatori che hanno condiviso il progetto, anche il food writer Aldo Fiordelli, autore de “La Fiorentina. Osti, macellai e vini della vera bistecca”, che è una delle utility dell’NFT: chi lo acquista riceve infatti una copia gratuita del libro. 

Ma tra i consigli di lettura, a essere incluso anche un abbonamento annuale all’edizione digitale de The Florentine, la rivista inglese che fa da ponte tra Firenze e i suoi amanti nel mondo, come ha spiegato la direttrice Helen Farrell. E proprio tre importanti lettori di The Florentine hanno ricevuto in omaggio l’NFT come riconoscimenti alla loro fedeltà e al loro amore per Firenze: il sociologo americano Laurence Basirico, l’influencer Coral Sisk (Curious appetite) e la chef americana Martina Bartolozzi.

Giulio Picchi (Cibreo), lo chef Marco Stabile (L’ora d’aria) e lo chef Paolo Gori (Trattoria da Burde), in rappresentanza dei ristoranti coinvolti nell’iniziativa, hanno infine scaldato l’atmosfera dell’innovativo lancio, dando prova della loro maestria nella cottura di Fiorentine realizzate con carni pregiate di Fassone Piemontese e Chianina. Lo chef Stabile, in particolare, ha svelato il suo segreto per la Fiorentina perfetta, utilizzando il metodo del reverse searing: un’ora in forno a 50 gradi prima della grigliatura, una tecnica che rompe i legami peptidici rendendo la carne tenera come se fosse stata frollata.

In vendita fino al 10 agosto prossimo, l’NFT “FiorentinaSteak & TuscanWine22” coniato da Italian Wine Crypto Bank in collaborazione con CryptoDineWineArt è disponibile per l’acquisto al costo di 250 euro.

L'abbinamento “Fiorentina Steak & Tuscan Wine 22”, l’NFT dedicato al simbolo di Firenze e al Chianti Classico: dove trovarlo e quanto costa.
Paolo Gori e la sua bistecca
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »