https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

FeelVenice: l’evento del vino nel Brolo segreto di Venezia

Dello stesso argomento

BANNER

Forte del grande successo delle precedenti edizioni, torna anche in questo 2022 FeelVenice, il piccolo ma ricercato evento che celebra la ricchezza enologica dell’area di Venezia. Andrà in scena sabato 2 luglio prossimo all’interno dello splendido giardino in fiore del Convento dei Carmelitani Scalzi. Con il Consorzio Vini Venezia, promotore dell’evento, che accoglierà i visitatori per portali alla scoperta dei vini provenienti dalle 5 Denominazioni consortili. Protagonisti indiscussi della manifestazione saranno infatti i vini prodotti dalle Doc Piave, Doc Lison Pramaggiore, Doc Venezia, Docg Malanotte e Docg Lison, che il pubblico di wine lover ed esperti potranno degustare a partire dalle ore 14. Ma in agenda c’è molto di più.

Come visitare il giardino in fiore e il vigneto del Convento dei Carmelitani Scalzi a Venezia

Per tutti gli appassionati, nel corso di FeelVenice, saranno innanzitutto organizzate 3 degustazioni guidate (su prenotazione e a numero chiuso), in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier Veneto – Delegazione di Venezia, durante le quali i partecipanti saranno condotti alla scoperta della storia e delle caratteristiche della Venezia Doc, del Lison Docg e del Malanotte del Piave Docg. 

La kermesse rappresenterà anche una giornata dedicata all’arte e alla cultura enologica: infatti, per l’occasione, la chiesa seicentesca del Convento e l’antico Brolo saranno eccezionalmente aperti al pubblico, che potrà andare alla scoperta del meraviglioso vigneto-collezione della biodiversità viticola sito nel giardino che racchiude più di 20 varietà recuperate da diversi orti e giardini veneziani. 

Un appuntamento imperdibile, dunque, un’esclusiva festa d’estate dedicata al vino del territorio, all’arte e alla cultura.

Il programma di FeelVenice 2022 e quanto costa partecipare

Ecco tutti i riferimenti da segnare in agenda per chi desideri partecipare a FeelVenice 2022.

Gli appuntamenti dedicati al vino, vedranno la degustazione libera aperta al pubblico su prenotazione, dalle ore 14 alle ore 21, mentre le masterclass guidate esclusivamente per quanti si accrediteranno prevedono i seguenti orari:

  • Degustazione Lison Docg, ore 15
  • Degustazione Venezia Doc, ore 17
  • Degustazione Malanotte Docg, ore 19

Per raccontare il giardino segreto, nascosto dalle alte mura del convento, durante la giornata saranno poi proposte visite guidate nel brolo e al vigneto potendo così passeggiare tra le viti, gli orti, il frutteto, l’oliveto lasciandosi inebriare dal profumo dei fiori e delle erbe aromatiche e officinali. Sarà inoltre possibile, in via eccezionale, anche visitare la chiesa di Santa Maria di Nazaret.

All’entrata sarà possibile devolvere 10 euro, come offerta responsabile che andrà destinata ai Frati Carmelitani Scalzi (riservata ai maggiori di anni 18, in quanto i minori entrano gratuitamente), mentre sarà prevista una cauzione per il calice da degustazione a 5 euro.

Il programma di FeelVenice 2022, come visitare il giardino in fiore e il vigneto del Convento dei Carmelitani Scalzi a Venezia e quanto costa partecipare
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »