https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Pinot Grigio Doc delle Venezie: svelata a Vinitaly la nuova veste

Dello stesso argomento

Dopo due anni di stop forzato, Vinitaly 2022 è finalmente tornato in presenza e nella sua formula tradizionale. Un’edizione comunque “speciale”, non per il programma, bensì per la forte emozione diffusa tra i padiglioni del più importante Salone del vino italiano, che dopo anni di distanziamento ha fatto incontrare di nuovo a Verona amici, colleghi e partner. Un clima perfetto per celebrare i primi cinque anni di vita del Consorzio delle Venezie, che ha portato sul banco d’assaggio non solo i nuovi millesimi di Pinot Grigio Doc delle Aziende Socie, ma anche tutti gli importanti risultati raggiunti grazie all’impegno costante di un CdA e di un team sempre in prima linea.

“Era il 14 marzo 2017”, dice Albino Armani, alla guida del Consorzio di Tutela, “mancava meno di un mese al Vinitaly, occasione in cui ci siamo presentati ufficialmente al mondo. Quel giorno ci siamo trovati a Montecchio Maggiore, nel centro della Denominazione – oggi la più estesa a livello nazionale – per le firme alla presenza degli Assessori Regionali e Provinciali all’Agricoltura di Veneto, Friuli e Provincia Autonoma di Trento, che hanno sancito la nascita del nostro Consorzio e l’inizio di un grande progetto. Oggi la nostra squadra, forte di un CdA presente ed attento, rappresenta uno strumento necessario di coordinamento per la tutela, la valorizzazione e la promozione internazionale del Pinot grigio Doc, una varietà sempre più autoctona del nostro Triveneto”.

In occasione del quinquennale, la Doc delle Venezie ha finalmente presentato il risultato del lungo percorso di rebranding iniziato nel 2021, aprendo così un nuovo e ambizioso capitolo che, a tutti gli effetti, la colloca tra le meraviglie del Made in Italy. La nuova campagna di comunicazione del Consorzio di tutela non solo investe il Pinot Grigio delle Venezie del ruolo di garante dell’eccellenza produttiva del Triveneto, ma lo fa diventare il vero e proprio “Sigillo di Meraviglia”. Una veste nuova e completamente ridisegnata che aiuterà la Doc del Nordest ad aumentare la reputation del marchio e a presentarsi ai mercati internazionali con un approccio decisamente più emozionale e competitivo.

Sigillo di Meraviglia: la nuova bandiera della Doc delle Venezie

La Meraviglia diventa la nuova bandiera della DO. Grazie a un lungo ed attento lavoro di riposizionamento, il Consorzio è riuscito ad individuare la narrativa di marca perfetta per descrivere e, soprattutto, valorizzare – sia in Italia sia all’estero – non solo la Denominazione delle Venezie e il Pinot Grigio, ma anche tutto il suo territorio, i suoi produttori, la sua storia e la sua tradizione, celebrando i tratti specifici che caratterizzano tutto l’areale.

Come primo step del rebranding, il Consorzio ha deciso di investire nuovamente sulla forza dell’icona di Venezia per la progettazione del nuovo logo (accompagnata da chiari riferimenti geografici del Triveneto), lasciando nel “Sigillo” del marchio collettivo una rappresentazione già familiare a tutto il mondo, ma che, nella campagna di comunicazione, evolve e si completa di tutto quello che è il patrimonio culturale e vinicolo delle Tre Venezie.

Nel nuovo video istituzionale, infatti, un filo virtuale percorre la meravigliosa essenza di un unico grande territorio – fatto di paesaggi, città, vigneti, cantine e convivialità – per convogliarla in un Pinot Grigio di qualità eccellente. Lo spettatore intraprenderà un viaggio emozionante che parte dal Lago di Garda per poi volare sui Colli Berici, sulla Laguna di Venezia, fino ai monti del Trentino, alla Fortezza di Palmanova e al Ponte Vecchio di Verona – per citare alcuni frame – e comprenderà, così, l’unicità del brand delle Venezie e il suo “Sigillo di Meraviglia”. Un viaggio che dalle origini arriva quindi al consumatore finale, con suggestioni semplici ed essenziali, ma estremamente autentiche.

Per rendere la Denominazione il fattore più importante nella scelta di un Pinot Grigio, dunque, si è fatto leva sulla sua unicità, legando la sua immagine a tutti i meravigliosi valori intrinseci di cultura e territorio che la contraddistinguono. Ma come comunicarli oltreconfine, considerato che la DO ha una quasi totale vocazione all’export (circa il 95%) e che il Triveneto è un’area poco connotata persino in Italia?

Il percorso è iniziato con un’attenta analisi delle ricerche fatte sui consumatori internazionali, per validare nei diversi mercati prima il posizionamento strategico individuato e poi la long idea, sempre con un occhio di riguardo verso gli Usa, che assorbono oltre il 40% della produzione totale della Doc, seguiti da Germania e Uk. Da qui il Consorzio ha deciso di puntare su progetti innovativi di comunicazione e informazione a livello globale, con l’obiettivo di raggiungere una fetta di pubblico sempre più ampia.

Arrivano le mini-serie online degli Ambasciatori del Pinot Grigio delle Venezie

In particolare, con l’ausilio di contenuti video evocativi ed emozionali, la nuova strategia della Doc delle Venezie intende sfruttare appieno le potenzialità dei social media, messi a nuovo grazie a un lavoro di riprogettazione e restyling che da oggi rende le piattaforme ufficiali del Consorzio più facilmente fruibili e raggiungibili dall’utente finale di tutto il mondo (con pagine italiane ed internazionali).

Da inizio febbraio, infatti, sono finalmente online le mini-serie del Pinot Grigio delle Venezie curate degli Ambasciatori di Usa, Giappone e Ungheria (e prossimamente anche Canada) selezionati dal CdA del Consorzio: simpatiche clip girate nelle lingue dei rispettivi Paesi che riprendono quotidiani momenti di vita e convivialità – social & food occasion, abbinamenti originali durante pranzi o spuntini, serate con amici o di relax –, ma impreziositi dal Sigillo di Meraviglia che diventa protagonista della nuova campagna pubblicitaria promossa dal Consorzio sulle nuove pagine social. I video sono disponibili sul Canale Youtube del Consorzio.

“Siamo contenti del posizionamento individuato. La meraviglia è qualcosa che effettivamente viaggia nel nostro territorio e fa parte dell’essenza del nostro Brand”, commenta il presidente del Consorzio di Tutela Vini Doc delle Venezie Albino Armani e continua.

“La strategia sarà quella di veicolare la nostra meraviglia autentica, unica e certificata, garantita dal nostro Consorzio. Il Consiglio di Amministrazione da mesi dispone di una squadra interna coesa e preparata pronta ad attuare questo lavoro sui diversi piani operativi di comunicazione, rivitalizzati, strategici, strutturati e trasversali per raggiungere una fetta di pubblico internazionale quanto più ampia e variegata possibile. Sarà infatti fondamentale arrivare maggiormente ai consumatori più giovani, educarli sul significato di certificazione e tutela, ma anche a nuove tipologie di interlocutori, ovvero quelle fasce di consumatori che spesso vengono escluse dai soliti target di riferimento”.

Albino Armani alla guida del Consorzio di Tutela Pinot Grigio Doc delle Venezie
Albino Armani alla guida del Consorzio di Tutela Pinot Grigio Doc delle Venezie
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »